Ultimo, è uscito il docufilm biografico “Vivo coi sogni appesi”

Disponibile da oggi su Prime Video, il docufilm ripercorre l’ascesa artistica del cantautore romano

Potrebbe sembrare presto per un film di tipo biografico-celebrativo. Eppure, malgrado la sua giovane età, Ultimo si è già messo alle spalle una porzione di vita e carriera professionale a tal punto densa da permettergli la realizzazione di un docufilm sulla sua faticosa quanto testarda corsa al successo. Il titolo di questo prodotto cinematografico confezionato ad hoc, che è disponibile da ieri 30 maggio, su Prime Video, è “Vivo coi sogni appesi” (in cui i più affezionati riconosceranno l’eco di uno dei brani più apprezzati del suo primo album).

Il docufilm, la cui produzione è stata affidata a Martino Benvenuti in collaborazione con Maestro e la cui regia è stata curata dai Broga’s, si apre con dei filmini in cui il bambino Niccolò dà sfoggio per le prime volte alle sue abilità canore e poi si articola nella riproposizione di brani live tratti dall’ultimo tour, che ha visto Ultimo impegnato negli stadi più grandi d’Italia. Ma nel film non sono presenti solamente i frammenti live di alcune delle sue canzoni più amate (Equilibrio mentale, Buongiorno vita, Vieni nel mio cuore, 22 settembre, Quel filo che ci unisce, Ipocondria, Il bambino che contava le stelle, Peter Pan vuoi volare con me e tanti altri).

LEGGI ANCHE  GUIDONIA - Incendio a Colle Largo, è stato un piromane?

Sono stati inseriti, infatti, anche dei brani scritti dal cantautore ma arrangiati e prodotti dal producer romano Matteo Nesi, in arte Yoshi, e gli interventi di genitori, amici e più stretti collaboratori.

Lo scopo del docufilm, presentato in anteprima alla stampa lunedì 29 maggio, nel luogo che nel 2018 ha ospitato il primo grande concerto del cantautore romano, la Santeria Toscana di Milano, non è quello di glorificare – come lo stesso Ultimo ha voluto precisare – “ma di raccontare una storia semplice, in cui le difficoltà sono all’ordine del giorno come in ogni altro lavoro”. (Federico Laudizi)

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.