TIVOLI - “Favorite i documenti”, coppia manda gli agenti all’ospedale

Stamane scene di ordinaria follia nel complesso di case popolari di Borgonovo. Una 25enne italiana sottrae lo sfollagente e lo vibra in faccia a due agenti con la complicità del compagno: arrestati. Ad agosto la ragazza aveva accoltellato un altro fidanzato dopo averlo tradito

Chi li ha visti all’opera li definisce due furie, l’una più violenta dell’altro. Sono i due giovani italiani che stamane, sabato 23 ottobre, hanno pestato a sangue due poliziotti del Commissariato di Tivoli: la coppia, lui di 23 anni e lei di 25 anni, italiani, è stata bloccata soltanto dopo l’intervento di diverse volanti e arrestata con le accuse di lesioni personali, resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale.

Secondo le prime informazioni raccolte da Tiburno, il fatto è accaduto in via Archigene davanti al complesso di case popolari di proprietà dell’Ater a Borgonovo, quartiere alla periferia di Tivoli. Verso le 10 di oggi sarebbe giunta al numero unico di emergenza 112 la segnalazione di una persona ubriaca molesta, per questo una volante del Commissariato diretto da Paola Pentassuglia è immediatamente intervenuta per verificare la situazione.

Pare che tracce di ubriachi molesti non ve ne fossero più, ma l’attenzione degli agenti è stata richiamata da un giovane intento ad armeggiare intorno ad uno scooter. Dagli accertamenti effettuati la targa del ciclomotore sarebbe risultata rubata, per questo i poliziotti hanno chiesto al giovane di fornire i documenti personali e del mezzo a due ruote.

LEGGI ANCHE  GUIDONIA - “Fumo” e “erba”, preso con 4 etti di droga in casa

A quel punto, il 23enne ha iniziato ad inveire contro gli agenti per poi tentare la fuga. I poliziotti lo hanno bloccato e proprio mentre lo ammanettavano a terra è intervenuta anche la 25enne italiana. Sembra che la giovane sia riuscita a sottrarre lo sfollagente e poi si sia scagliata contro gli operanti accasciati vibrando una serie di colpi al volto e alla testa, mentre il compagno è riuscito a colpire gli agenti con calci e pugni. Come se non bastasse, a dar manforte alla coppia sarebbe scesa anche una donna di mezza età, si tratterebbe di una parente del 23enne.

Fatto sta che per bloccare gli aggressori è stato necessario l’intervento di altre volanti sia del Commissariato di Tivoli che di San Basilio e Fidene.

LEGGI ANCHE  Violenza sulle donne, via libera a un nuovo disegno di legge

Un’ambulanza della Croce Rossa ha trasportato i due poliziotti al pronto soccorso di Tivoli, dove ad entrambi è stata riscontrata la frattura delle ossa nasali e contusioni varie. Il più giovane degli agenti ha subito anche una vasta ferita lacero-contusa al sopracciglio dell’occhio destro suturato dai sanitari.

Per la coppia è scattato l’arresto per lesioni personali, resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale. Degli stessi reati dovrà rispondere la parente intervenuta, denunciata a piede libero. Il ragazzo, già noto agli archivi di polizia giudiziaria, è stato inoltre deferito all’autorità giudiziaria per ricettazione.

Il 23 agosto scorso la 25enne fidanzata era balzata agli onori della cronaca per essere stata denunciata per lesioni aggravate. In quel caso nel vicino quartiere di Albuccione di Guidonia aveva accoltellato alla coscia destra il fidanzato del momento al culmine di una lite per motivi di gelosia: il giovane italiano aveva scoperto di essere stato tradito.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

7s