Monterotondo – Chiuso dal 5 gennaio il giardino “I Cento Passi”

Il punteruolo rosso minaccia la salute delle palme

Dal 5 gennaio il parco “I cento passi” di viale Bruno Buozzi, comunemente detto “parco della passeggiata“, sarà chiuso.

Ad un solo giorno di distanza dalla festa della Befana, quando i bambini ne avrebbero potuto sicuramente usufruire, essendo uno dei pochissimi parchi di fatto fruibili nella parte alta della cittadina, i suoi cancelli sono stati sbarrati. Lo ha ordinato il Sindaco, Riccardo Varone, con una ordinanza, emessa a causa di una scoperta recente avvenuta nel giardino.

Durante le ordinarie attività di manutenzione del verde, è stata rilevata la presenza di larve e insetti del “punteruolo rosso della palma”, un coleottero marrone/rossiccio che può arrivare a misurre 4 centimetri e che deposita le sue uova nelle ferite del fusto degli alberi. Originari dell’Asia e della Melanesia, questi coleotteri sono comparsi in Italia tra il 2004 e il 2005, prima in Toscana e poi quasi contemporaneamente in Liguria e Sicilia, per poi diffondersi rapidamente in tutta la penisola.

Le larve del punteruolo rosso della palma scavano gallerie molto profonde e nascoste nel fusto. Il parassita è difficile da individuare, se non quando la pianta è già fortemente danneggiata. Con il tempo, i rami della palma diventano gialli dal centro e si estinguono, finché la chioma muore.

LEGGI ANCHE  GUIDONIA - Abita nella “Pista d’Oro”, bimbo rom allontanato dalla famiglia - VIDEO

“Nelle more delle verifiche di sicurezza”, recita l’ordinanza che ha resa effettiva la chiusura, “vi è l’urgente necessità di adottare misure tese a prevenire l’insorgere di situazioni di pericolo per la salute e la sicurezza pubblica“. L’amministrazione verificherà la necessità di una bonifica dell’area e dell’uso di insetticidi, che andrebbero “pompati” con tubi verso ľinterno del fusto. Si tratta di una terapia che costa almeno 50euro a pianta, in base alla sua grandezza e all’ammontare di lavoro necessario.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *