Auschwitz

Non c’era più nessuno a protestare

Nel giorno della Memoria, qualche parola di una famosa poesia di Martin Niemoller, teologo tedesco antinazista

“Prima di tutto vennero a prendere gli zingari e fui contento

perché rubacchiavano.

Poi vennero a prendere gli ebrei e stetti zitto

perché mi stavano antipatici.

Poi vennero a prendere gli omosessuali e fui sollevato

perché mi erano fastidiosi.

Poi vennero a prendere i comunisti ed io non dissi niente

perché non ero comunista.

Un giorno vennero a prendere me e non c’era rimasto nessuno a protestare”.

Condividi l'articolo:
LEGGI ANCHE  Papa Francesco ai fedeli gay: “La Chiesa non vi rifiuta”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *