Berlusconi apre a Putin

"L’Europa convinca Kiev ad accettare le richieste di Putin”, "Le armi inviate? Significa essere cobelligeranti"

Berlusconi apre all’amico Putin. La svolta a Napoli, durante la convention di Forza Italia. “Per portare Putin al tavolo delle trattative non si possono fare dichiarazioni come quelle che giungono da Gran Bretagna e Nato, l’Europa convinca Kiev ad accettare le richieste di Putin”.

E sull’invio di materiale bellico a Kiev la posizione rimane scettica: “Inviare armi significa essere cobelligeranti, anche noi in guerra. Cerchiamo di farla finire, questa guerra. Ma se dovessimo inviare ancora armi sarebbe meglio non farne tanta pubblicità…”.

Una posizione fino a tempo fa diversa. Vedi il 9 aprile, nella prima esternazione sul tema guerra. “Non posso e non voglio nascondere di essere profondamente deluso e addolorato dal comportamento di Vladimir Putin”, diceva il Cavaliere, “Si è assunto una gravissima responsabilità di fronte al mondo intero. Io l’avevo conosciuto vent’anni fa e mi era sempre sembrato un uomo di democrazia e di pace”.

LEGGI ANCHE  Egofumo, apre in via Tiburtina il negozio di sigarette elettroniche del noto Brand romano

Un’amicizia ventennale che sembrava essersi interrotta il 24 febbraio, giorno dell’attacco sulla capitale ucraina, con il presidente russo che non ha più risposto alle chiamate dell’ “amico Silvio”.
Berlusconi e Putin si sono conosciuti nel 2001, al G8 di Genova, quando l’allora premier italiano si è assunto il ruolo di mediatore tra il leader russo e il presidente americano George W. Bush. Da allora sono cambiati governi, alleanze, incarichi, anche compagne ma per più di vent’anni la loro profonda relazione umana e politica è rimasta intatta e sempre scandita da viaggi, cene, e foto, insieme sorridenti.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.