Chi rapina e chi devasta la scuola: nei guai sei baby bulli

Quattro baby teppisti di 13 anni sono stati colti sul fatto ai Castelli mentre devastavano il loro istituto

Due 17enni arrestati e quattro 13enni denunciati: è il bilancio di attività svolte dai carabinieri della Compagnia di Castel Gandolfo in pochi giorni sul fronte baby bulli.

Botte e rapina a un adulto

I carabinieri della Stazione di Albano Laziale hanno arrestato un 17enne, con precedenti, con l’accusa di rapina e lesioni personali, consumate – in concorso con un maggiorenne, pure lui arrestato – nei confronti di un 38enne. E’ accaduto il  17 settembre, in piazza Gramsci.

Dopo averlo malmenato la vittima provocandogli lesioni e fratture guaribili in 30 giorni, gli avevano il portafogli ed il telefono cellulare, dandosi alla fuga.

L’arresto è avvenuto in esecuzione di un’ordinanza emessa dal Gip del Tribunale per i Minorenni su richiesta della locale Procura della Repubblica.

LEGGI ANCHE  Depressione, un polo d’eccellenza per il trattamento a Colleferro

La rapina della collana

Nella notte tra venerdì e sabato, invece, i carabinieri di Ciampino hanno arrestato un altro 17enne, all’interno di una nota discoteca del posto, successivamente alla segnalazione giunta al 112 da parte di un giovane, appena maggiorenne, che riferiva di essere stato rapinato della catenina in oro (del valore di circa 1.000 euro) mentre ballava.

Baby teppisti nella scuola

Infine a Cecchina i Carabinieri della locale Stazione hanno denunciato 4 minorenni, tra i 13 e i 14 anni, colti in flagranza, a sera inoltrata, all’interno della scuola da loro stessi frequentata, subito dopo aver forzato e danneggiato la porta di ingresso.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.