Furti di cani in epoca di pandemia. Record in Gran Bretagna

Stanare i ladri con i droni

Consigli

Il furto di cani in Gran Bretagna è aumentato del 7% in epoca di pandemia: oltre 2300 gli animali rubati nel corso del 2020 e 500 quelli sottratti ai loro padroni soltanto negli ultimi tre mesi di quest’anno.

Per combattere questo tipo di reato per il quale è prevista una pena massima di sette anni di reclusione, il premier Johnson ha creato una task force dedicata con il dispiegamento di 20mila poliziotti e la collaborazione di piloti amatoriali di droni.

Molti i consigli dispensati ai proprietari di cani: evitare ad esempio di lasciare il proprio animale incustodito in un luogo pubblico, modificare spesso il percorso che si segue durante le passeggiate, controllare sempre le chiusure dei propri giardini.

Le forze di polizia mettono in guardia anche sull’utilizzo dei social: pubblicare le foto di Fido potrebbe attirare l’attenzione dei malintenzionati e per questo il consiglio è quello di postare eliminando qualsiasi informazione che potrebbe essere carpita per la geolocalizzazione. Occhio anche alla provenienza del cane al momento dell’acquisto perché la maggior parte dei furti va ad alimentare il mercato clandestino.

 

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.