Imprese, ne ammazza più la crisi che il Covid

Nel 2020 il Pil è sceso dell’8.9%, ma al confronto col 2019 hanno chiuso meno imprese

Che la pandemia abbia avuto un effetto devastante sull’economia non serve una conferma coi numeri della statistica a confermarlo. Più difficile da aspettarsi il fatto che hanno chiuso minor numero di imprese, se si fa il confronto con l’anno precedente della pandemia.

La crisi economica del 2020 si esprime con un -8,9%. Ed è facilmente spiegabile attraverso il declino dei consumi in assoluto in tutte le branche merceologiche.

Ma il dato che invece deve essere spiegato riguarda il fatto che minor imprese hanno fallito. Quest’ultimo dato può essere argomentato dal fatto che molte imprese sono riuscite a stare in piedi in condizioni di stretta misura grazie ai sostegni arrivati da parte dello Stato.

LEGGI ANCHE  Elezioni 12 giugno: dove si vota

Nel 2020 hanno chiuso 7.400 imprese. Nel 2019 invece sono state 11mila le attività che hanno consegnato i libri contabili uscendo dal mercato. Sono dati pubblicati dalla Banca d’Italia. Secondo le analisi sarebbero potute essere 4.800 in più le attività predisposte alla chiusura. Ma l’essere rimaste in piedi non significa esser state attive o aver mostrato una qualsivoglia vitalità nell’economia reale.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *