TIVOLI – Uccide un cane a calci, 50enne condannato

Il tribunale di Tivoli ha condannato l'uomo a 1 anno e 6 mesi di reclusione

Cinquantenne di Palestrina condannato dal tribunale di Tivoli per aver ucciso a calci un cane. Una cagnolina, in realtà; si chiamava Olga. Il brutale “omicidio” di animale risale al 30 aprile del 2017, dopo un lungo dibattimento qualche giorno fa la sentenza.

L’uomo è stato condannato a un anno e mezzo per uccisione di animale. 

L’animale che pesava 12 chili e aveva sei anni era stato preso a calci perché si sarebbe avvicinato con insistenza al suo bullmastiff dell’uomo.

Il giudice ha disposto per l’imputato il pagamento delle spese processuali, per il procedimento e per le spese sostenute dalle parti civili, cinque in tutto: la coppia proprietaria della cagnolina uccisa e tre associazioni animaliste, Action Project Animal, “Zampe che danno una Mano Odv” e “Earth Oodv”.

LEGGI ANCHE  GUIDONIA - “Fairylands”, inizia il Festival di musica celtica

Per ciascuna parte civile il giudice ha stabilito una somma di 5mila euro, mentre il risarcimento del danno sarà stabilito in un secondo procedimento.

Olga – come hanno ricostruito gli animalisti in una nota – si trovava casualmente nel piccolo parco antistante l’abitazione dei suoi “genitori umani”, a Palestrina, ed è stata letteralmente travolta dalla furia assassina del proprietario del molossoide. E’ stata prima stordita con uno spray al peperoncino e poi massacrata a calci.

Una violenza inaudita su un’anima indifesa e incapace di reagire”, hanno commentato i volontari di “Animalisti italiani”. 

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.