Sommergibile disperso a largo del Canada, ossigeno esaurito

Speranze ormai ridotte di ritrovare i cinque occupanti

Speranze ridotte al lumicino per ritrovare il sommergibile disperso al largo delle coste del Canada.

Continua la corsa contro il tempo per rintracciare e trarre in salvo i cinque occupanti del Titan, il sommergibile disperso da domenica mentre scendeva verso il relitto del Titanic, proprio al largo delle coste del Canada.

In caso di emergenza il sommergibile dispone di una riserva di ossigeno sufficiente per 96 ore che si sono però concluse a mezzogiorno di oggi.

Captati dei rumori

Le operazioni di ricerca si sono intensificate – riporta l’Adnkronos – dopo che sono stati captati rumori provenienti dal fondale martedì e di nuovo ieri.

Ancora non si è certi delle cause e delle origini dei suoni – che potrebbero provenire dall’interno del sommergibile – ma intanto l’area della ricerca è stata ampliata ad una zona che equivale in superficie a circa 10mila miglia quadrate – 26mila Km quadrati – e in profondità scende fino a 2,5 miglia, circa 4mila metri.

LEGGI ANCHE  GUIDONIA - Addio Bruno Mincione, ha affrontato la disabilità col sorriso

Chi è a bordo

A bordo della OceanGate Expeditions il britannico Hamish Harding, Shahzada Dawood ed il figlio Suleman Dawood, pakistani, l’amministratore delegato e fondatore di OceanGate, Stockton Rush, il francese Paul-Henri Nargeolet. La guardia costiera americana ha potuto contare fino a ieri sull’aiuto di cinque navi di superficie che hanno partecipato alle ricerche e oggi il numero dovrebbe passare a dieci, come annunciato dal capitano Jamie Frederick. (Foto di Fotogramma)

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.