Forte scossa di terremoto in Marocco, 300 morti

L’epicentro a 70 chilometri da Marrakech, turisti italiani chiedono di rientrare

Forte scossa di terremoto alle 22.45 di ieri sera in Marocco. L’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia ha registrato una magnitudo del 6.8.

L’epicentro a 70 chilometri da Marrakech, a una profondità di 10 chilometri. Le prime immagini mostrano muri crollati e danni nella medina, persone in fuga e crepe anche in alcune strade. Il bilancio ufficiale è di almeno 300 morti.

Le linee telefoniche e collegamenti internet si sono interrotti, e gran parte della città è rimasta al buio.
Il movimento ondulatorio è durato circa 30 secondi. Hanno ceduto alcune abitazioni, nella piazza Jamaa el Fna è crollato il minareto di una piccola moschea.

Segnalati danni nella kasbah di Marrakech e crolli di abitazioni nella zona a nord est. In città nuova ci sono crepe nel campanile della chiesa cattolica di Gueliz. Crolli di facciate a Essaouira, sull’Oceano Atlantico e a Ouarzazate, nel centro Sud.

LEGGI ANCHE  GUIDONIA - Prima rapina il supermarket, poi il cliente del benzinaio: marocchino in manette

Il centralino dell’ambasciata italiana a Rabat ha ricevuto numerose chiamate da parte di turisti che chiedono di rientrare a casa. In nottata però gli aeroporti erano chiusi.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.