Più risorse per la Sanità! Lo chiede l’Europa

Innovare la ricerca contro il cancro: le politiche sanitarie nazionali debbono investire nella cura per la salute

C’è urgente bisogno di un rinnovato impegno per la prevenzione, il trattamento e la cura del cancro che riconosca le crescenti sfide e le opportunità per superarle. Lo dice Il rapporto della Commissione Europea. L’Europa sta “combattendo la battaglia contro il cancro”, ha affermato Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea. Ed è su questo impegno-chiave che nel 2022 ha lanciato il piano dell’UE per sconfiggere il cancro. Sempre a causa del cancro in questo anno più di un milione di europei hanno perso la vita.

L’ultimo piano d’azione europeo contro il cancro è stato sviluppato all’inizio degli anni Novanta e negli anni successivi il mondo ha visto grandi progressi nel trattamento del cancro. Una delle scoperte più entusiasmanti degli ultimi decenni è la terapia con cellule T con il recettore dell’antigene chimerico (CAR).

LEGGI ANCHE  Villa Dante, pazienti considerati come soggetti attivi nel processo di ricovero

La terapia con cellule CAR T è un esempio di trattamento personalizzato che è stato adattato alla situazione e alle esigenze individuali di un paziente e ha cambiato radicalmente la prognosi dei pazienti. La terapia con cellule CAR T sfrutta il sistema immunitario del corpo per colpire e curare il cancro. Il trattamento prevede la raccolta delle cellule T del paziente dal sangue e la modifica delle stesse per riconoscere e colpire le cellule tumorali.

Le prime opzioni di terapia con cellule CAR-T sono state approvate in Europa nel 2018 e da allora una serie di altre terapie CAR-T sono state autorizzate come opzioni terapeutiche per alcuni tipi di tumore del sangue avanzato, tra cui il mieloma multiplo, la leucemia linfoblastica acuta e alcuni dei tumori forme più comuni e aggressive di linfoma.

LEGGI ANCHE  GRUPPO INI: CON I RICOVERI TEMPORANEI SUPPORTO A PAZIENTI FRAGILI E CAREGIVER NEL PERIODO ESTIVO

Eppure molti pazienti idonei non ricevono una terapia con cellule CAR T potenzialmente curativa in Europa. Rimane una sfida a livello europeo per garantire un accesso equo ai trattamenti per tutti i pazienti idonei. Il piano di lotta contro il cancro affronta questo problema sviluppando un “registro delle disuguaglianze del cancro” che migliorerà l’accesso dei pazienti ai trattamenti che forniranno i migliori risultati e supporto una migliore qualità della vita. Rimangono tuttavia altre sfide che richiedono attenzione urgente.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.