GUIDONIA – “Taja”, la storia di resilienza del meat influencer

Il rappresentante di carni Alessandro Bruno racconta la sua metamorfosi in “Alex Butcher”

Ha fatto della comunicazione social un momento di condivisione per fare impresa e per costruirsi un personaggio vincente. E ha creato uno slogan difficile da dimenticare: “Taja”, intercalare romano dal verbo “tagliare” dai molteplici significati.

Alessandro Bruno di Guidonia, il meat influencer che spopola sui Social come “Alex Butcher”

Lui si chiama Alessandro Bruno, vive a La Botte di Guidonia, ma oramai sui Social Network è meglio noto come “Alex Butcher”, istrionico e creativo rappresentante di carni diventato meat influencer del “Gruppo Galli”, l’omonima azienda guidata dal visionario Fabio Galli, ultima generazione di un marchio italiano di macellai tra botteghe storiche e una Spa che dal mattatoio di Roma fornisce i migliori ristoranti della Capitale e del centro Italia.

Dopo aver conquistato visibilità e popolarità con le stories sui Social girando tra le più importanti fiere italiane del food, Alex Butcher” ha raccontato la sua metamorfosi in “Taja”, un libro autobiografico presente su Amazon e dedicato al suocero Innocenzo Morasca, il compianto imprenditore di Guidonia scomparso a novembre 2021 all’età di 73 anni.

LEGGI ANCHE  GUIDONIA - Incendio a Colle Largo, è stato un piromane?

Alex Butcher insieme all’attore e chef Andy Luotto

“Taja” è stato presentato al museo Maxxi di Roma, alla presenza di Fabio Galli, titolare della Spa dell’omonimo Gruppo; Giuseppe Garozzo Zannini Quirini, ‘L’Aristocratico del Gusto’; l’attore e chef Andy Luotto; Michele Ruschioni, il food influencer di “BraciamiAncora”; il food blogger Yuri Antonosante e la fotografa Francesca Michienzi.

Il libro autobiografico è uno spaccato di vita iniziato nel periodo pandemico, quando il mondo si ferma e molte imprese chiudono, ma Alessandro Bruno si trasforma in “Alex Butcher” e inventa una strategia di marketing per raccontare il mondo del food e della macelleria.

Abiti neri, borsalino e occhiali scuri, balletto con le mani e quello slogan vincente da abbinare alla carne: “Taja”.

“È stato un viaggio appassionato – spiega Alessandro Bruno – iniziato piú di 3 anni fa nel bel mezzo di una Pandemia Mondiale che ha cambiato le sorti della nostra azienda e in particolare della mia vita. È stato un percorso introspettivo che ha coinvolto tutto il Gruppo Galli, i colleghi di lavoro e la mia stessa persona facendoci diventare dei nano influencer, precisamente Meat Influencer, ossia il primo Team Butcher Italia per la vendita di carni all’ingrosso.

Tutta la la veritá sulla mia storia di Resilienza e di questi ultimi anni di duro lavoro che mi hanno portato a girovagare per le fiere del Food d’Italia per risalire dalle ceneri del Covid.

Un progetto corale portato in scena attraverso un racconto innovativo, grazie alla collaborazione di tutti e in particolar modo di Fabio Galli, il vero visionario.

Questo libro è il frutto di tutte le richieste dei nostri follower incuriositi del perché mi fossi trasformato in un personaggio instagrammer. Ed ora a distanza di tempo ecco arrivare il mio libro, un’opera creativa che ha preso forma dopo anni di impegno”.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.