corso olio

Il Parco dei Lucretili aderisce alle Città dell’olio

Verso il turismo dell'olio

Il Parco dei Lucretili aderisce all’associazione nazionale Città dell’Olio. “Valorizzeremo così una delle tipicità cruciali dei 13 comuni del Parco”, annuncia Barbara Vetturini, presidente del parco naturale dei Monti Lucretili.

Con l’ingresso del Parco dei Lucretili salgono a 33 le Città dell’Olio del Lazio che hanno aderito all’Associazione nazionale Città dell’Olio, la grande rete che raccoglie oltre 400 enti pubblici impegnati nella promozione dell’olio extravergine di oliva e nella valorizzazione del patrimonio olivicolo italiano, con più di 25 anni di attività alle spalle.

“Ringrazio la presidente del  Parco Regionale dei Monti Lucretili per aver aderito alla nostra Associazione dimostrando di avere a cuore l’olivicoltura del territorio”, ha dichiarato Michele Sonnessa, Presidente delle Città dell’Olio, “Questa scelta rappresenta un segnale concreto nei confronti dei produttori locali che attraverso le attività delle Città dell’Olio possono avere nuove opportunità di visibilità”.

LEGGI ANCHE  FONTE NUOVA - XIV Sagra dell'Olio e del Vino Novello

I progetti su cui l’associazione sta lavorando sono il turismo dell’olio, l’agricoltura sostenibile, il contrasto all’abbandono dei terreni agricoli e la valorizzazione del paesaggio olivicolo .

“Il nostro Ente Parco si sviluppa nei comuni Montorio Romano Marcellina Monteflavio Licenza Moricone Orvinio Palombara Sabina Pericile Poggio Moiano Roccagiovine San Polo dei Cavalieri Scandriglia e Vicovaro e siamo felici di aver aderito all’associazione Nazionale Città dell’Olio continuiamo così ad investire energie in un percorso di valorizzazione dell’olivicoltura locale attraverso l’organizzazione di eventi e progetti che danno lustro e visibilità alle nostre eccellenze”, ha specificato Barbara Vetturini,  “Fra le mission del Parco ci sono la tutela, il recupero e il restauro degli habitat naturali e dei paesaggi, nonché la loro valorizzazione e per questo riteniamo strategico il percorso intrapreso al fianco dell’Associazione Città dell’Olio”.

LEGGI ANCHE  Reddito di cittadinanza verso l'addio: sarà abolito entro il 2024

L’Associazione Nazionale Città dell’Olio riunisce Enti nel cui territorio si producono oli pregiati con Denominazione di Origine. Gli Enti che ne fanno parte si propongono  di divulgare in collaborazione  la cultura dell’olivo e dell’olio di oliva di qualità, di tutelare l’ambiente ed il paesaggio olivicolo, di garantire il consumatore e di valorizzare e promuovere la conoscenza del patrimonio produttivo italiano. 

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.