GUIDONIA – Emergenza Sicurezza, la soluzione di Fratelli d’Italia

Comunicato stampa del coordinatore cittadino Mario Pozzi dopo le ultime 24 ore di cronaca nera raccontate da Tiburno

“Uno stillicidio continuo, una lista che è inaccettabile dover sopportare e complicata da aggiornare, visto che praticamente ogni giorno arriva una notizia di un reato nel nostro territorio, il tutto nell’immobilismo dell’amministrazione in carica. E’ arrivato il momento di dire basta”.

Furti a raffica, auto incendiate, pestaggi sulla pubblica via e sotto gli occhi dei passanti, le ultime 24 ore di cronaca nera raccontate in esclusiva dal quotidiano on line Tiburno.Tv, non hanno lasciato indifferente Mario Pozzi, coordinatore cittadino di Fratelli d’Italia.

In un comunicato stampa Pozzi ribadisce che il tema della sicurezza è particolarmente sentito da Fratelli d’Italia, che nel merito è stata protagonista nel programma della coalizione di centrodestra per Alfonso Masini sindaco.

Decoro urbano, istruzione, coesione sociale – spiega Mario Pozzi, coordinatore cittadino di Fratelli d’Italia – saranno i nostri mezzi per venire a capo di questa emergenza”.

Sicurezza e vivibilità da affrontare attraverso istruzione e sensibilizzazione dei più giovani, al decoro sempre più forte e sempre più evidente, portatore sano di coesione sociale, di legame affettivo con la città, e dunque, conseguentemente “di civiltà e rispetto per il bene pubblico”, prosegue Pozzi, il tutto senza dimenticare la necessità di un controllo “tecnologico” delle aree sensibili, e dunque video-sorveglianza e sala controllo e potenziamento dell’illuminazione pubblica.

LEGGI ANCHE  GUIDONIA - “Sequestrata e abusata in auto”, denuncia choc di una mamma

Sarà poi fondamentale – afferma il coordinatore – effettuare un accurato censimento della popolazione che insiste sul nostro territorio, affinché possano essere individuate le criticità più importanti da affrontare a livello igienico-sanitario, sociale ed economico”.

Un ruolo fondamentale viene dato alla scuola, che sarà mezzo e luogo per parlare ai ragazzi di etica e educazione civica, “baluardi, a nostro modo di vedere, per la tutela del patrimonio comune”. Coordinamento continuo con le forze del territorio, come le associazioni di categoria di carabinieri e polizia, per effettuare quelle attività che siano di controllo e supporto in caso di necessità, e contestuale “riorganizzazione della Polizia Locale, per portare i Vigili Urbani ad una sempre migliore gestione e sorveglianza del territorio. Abbiamo pensato anche al patrimonio culturale ed artistico, inserendo nel Piano di Protezione Civile, interventi volti a salvaguardare le opere”.

Punto particolarmente interessante riguarda l’integrazione, la collaborazione e il confronto costruttivo – anche attraverso le associazioni di volontariato – tra i cittadini e la popolazione straniera, comunitaria ed extracomunitaria, che insiste sul territorio di Guidonia.

LEGGI ANCHE  GUIDONIA - Divieto di dimora in città, dipendente comunale sospeso

L’obiettivo – spiega Mario Pozzi – è quello di evitare la creazione di aree ghetto caratterizzate dal forte disagio sociale. Contestualmente a questa attività, sarà nostra cura avviare un censimento finalizzato all’individuazione del numero esatto di residenti, degli immobili liberi, di quelli occupati abusivamente e di quelli ove all’interno vi risieda un numero eccessivo di occupanti”.

Uno sguardo anche alla tutela del commercio e degli esercenti locali. “Fa parte del programma di Alfonso Masini il punto sul controllo degli esercizi commerciali per evidenziare carenze igienico sanitarie e il rispetto delle norme comunali e sovra comunali in vigore”.

Sicurezza al centro dunque, e in tutte le zone della città, attraverso proposte concrete e moderne, che scavalcano steccati e stereotipi ponendo sotto i riflettori quello che dovrebbe essere il fulcro di ogni proposta politica. “Quello che abbiamo sempre portato avanti, all’opposizione e quando torneremo a governare – chiude Pozzi – il bene della città e di tutti i suoi cittadini”.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.