GUIDONIA – Criminalità organizzata, rifugio per senzatetto nelle ville confiscate

La giunta chiede di acquisire gli immobili dei boss in via Tivoli a Setteville Nord

L’amministrazione comunale di Guidonia Montecelio vuole trasformare le ville confiscate ai boss in una casa d’accoglienza per senzatetto e in un Centro servizi.

E’ quanto emerge dalla delibera numero 129 votata ieri, giovedì 24 novembre, dalla giunta comunale presieduta dal sindaco Mauro Lombardo.

Con l’atto il Comune ha manifestato all’Agenzia Nazionale per l’amministrazione e destinazione dei Beni Sequestrati e Confiscati alla criminali organizzata l’interesse ad acquisire al patrimonio indisponibile comunale due immobili sottratti ai boss.

Si tratta di due ville ubicate in via Tivoli, nel quartiere residenziale di Setteville Nord, che l’Area Politiche Sociali intende utilizzare per la realizzazione di Housing temporaneo e Stazioni di posta.

LEGGI ANCHE  GUIDONIA - Spettacoli ed eventi, riapre lo sportello della Siae

Secondo le indicazioni della giunta, l’utilizzo degli immobili permetterebbe all’Ambito Territoriale Sociale (ATS) RM5.2, di cui il Comune di Guidonia Montecelio è capofila, di disporre di un sistema emergenziale che soddisfa i bisogni primari della persona senza dimora e in stato di deprivazione materiale di marginalità estrema.

In particolare, attraverso l’Housing temporaneo l’ATS ha strategicamente previsto un sistema che garantisca a livello ordinario interventi di bassa soglia o di riduzione del danno con lo scopo di aiutare le persone senza dimora ad accedere facilmente all’alloggio temporaneo, in appartamenti o in case di accoglienza, e offrire loro servizi completi sia al fine di promuoverne l’autonomia sia per favorire una piena integrazione sociale.

LEGGI ANCHE  GUIDONIA - Controlli davanti alle scuole e nei parchi, arrivano i Carabinieri in pensione

Per quanto invece riguarda la misura sulle Stazioni di Posta l’ATS vuole realizzare un Centro servizi per la presa in carico, integrata con l’offerta di un percorso partecipato di accompagnamento dal punto di vista della salute, economico, familiare e lavorativo, della persona e delle famiglie che versano in condizione di grave deprivazione.

Il Centro Servizi garantisce un’attività di presidio sociale e sanitario e di accompagnamento di persone in condizione di deprivazione materiale di marginalità estrema e senza dimora con l’obiettivo di facilitare l’accesso nella rete dei servizi.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.