GUIDONIA - Irene Sofia Scifoni, “Premio America Giovani” all’eccellenza universitaria

La 22enne di Villalba è la più giovane operatrice del Museo Archeologico di Montecelio

Ha iniziato le scuole superiori sognando un futuro da artista e da espositrice delle proprie opere, solo durante il percorso di studi ha scoperto passo dopo passo il suo talento naturale e la facoltà universitaria giusta che l’avrebbe proiettata verso una laurea col massimo dei voti e verso una professione che l’appassiona.

Irene Sofia Scifoni, 22enne di Villalba di Guidonia, Laureata con 110 e Lode a “La Sapienza”

Così Irene Sofia Scifoni, 22 anni, di Villalba di Guidonia, ha vinto il Premio America Giovani, un riconoscimento che ogni anno la Fondazione Italia USA conferisce a mille giovani neolaureati meritevoli selezionati dalle università italiane con un piano di studi afferente gli interessi della Fondazione e sulla base di diversi parametri indicativi del loro talento accademico come, tra l’altro, il punteggio di laurea, l’età di conseguimento del titolo, la media degli esami, la data della sessione di laurea, il curriculum studiorum e altre valutazioni comparative.

Lunedì 8 maggio, nell’ambito di una cerimonia ufficiale tenutasi presso la Camera dei Deputati, Irene Sofia Scifoni ha ricevuto la pergamena e una borsa di studio del valore di 3.800 euro a copertura totale per fruire gratuitamente del master online esclusivo della Fondazione Italia USA in “Leadership per le relazioni internazionali e il made in Italy”.

Diplomata al Liceo Scientifico “Ettore Majorana” di Guidonia con una votazione di 76/100, il 20 settembre 2022 Irene Sofia Scifoni ha conseguito la Laurea Triennale in Studi Storico-Artistici alla Facoltà di Lettere dell’università “La Sapienza” col massimo dei voti, 110 e Lode, e attualmente sta studiando per la Laurea Magistrale in Storia dell’Arte.

LEGGI ANCHE  FIANO ROMANO – Far West al bar, sprangate e spari tra albanesi: 4 arresti

Irene Sofia Scifoni è una dei 10 collaboratori del Museo Civico Archeologico di Montecelio

Il suo sogno attuale? Valorizzare e gestire un museo.

Da oltre un anno, infatti, la neolaureata eccellente fa parte del gruppo di collaboratori del Museo Civico Archeologico “Rodolfo Lanciani” di Montecelio, 10 ragazzi tra i 26 e i 30 anni quasi tutti laureati in Archeologia e Storia dell’Arte coordinati da Jovita Maria Fotia sotto la regia del Direttore Scientifico del Museo Zaccaria Maria.

Irene Sofia è la più giovane del team e si occupa delle visite guidate e dei laboratori per bambini, ma soprattutto della gestione della pagina Instagram del Museo Lanciani. Tutto per un rimborso spese previsto dall’amministrazione comunale.

Irene Sofia Scifoni al Liceo “Ettore Majorana” di Guidonia, vincitrice del Premio Giontella 2016

Cosa rappresenta per te il Premio America Giovani?

“Un grande traguardo e una grande soddisfazione, oltre alla dimostrazione che il voto finale delle scuole superiori non è indicativo perché nel cammino si può cambiare, trovare la strada giusta e migliorare.

Si tratta di un riconoscimento indirizzato soprattutto a studenti in Economia, Scienze Politiche e Lingue, raramente viene assegnato a iscritti della mia facoltà, tant’è che eravamo soltanto tre neo laureati in Storia dell’Arte de “La Sapienza”. Il Master che ho vinto è per i beni culturali ma anche per altri argomenti: sarà un’opportunità per arricchirmi anche sotto altri punti di vista”.

LEGGI ANCHE  Fugge all’alt, albanese preso con 34 dosi di cocaina e crack

Cosa ti piacerebbe diventare “da grande”?

“Mi piacerebbe lavorare nei servizi educativi nei musei e tal proposito ho già fatto un tirocinio al Palazzo delle Esposizioni che mi ha molto appassionata.

Vorrei anche occuparmi dei laboratori per i bambini e delle attività interdisciplinari, dell’organizzazione di eventi e conferenze. Per questo da oltre un anno collaboro al Museo Lanciani di Montecelio, di cui gestisco la pagina Instagram promuovendo eventi attraverso la creazione personale di locandine e video essendo appassionata dei Social. E’ un’esperienza affascinante e formativa”.

Da bambina cosa sognavi di diventare?

“Ho avuto tanti sogni diversi.

Al liceo pensavo di lavorare in ambito artistico, all’epoca ero molto convinta di fare l’artista e di esporre nei musei. Realizzavo video-art, video in cui montavo una musica scritta insieme ad un compagno di scuola, recitavo testi miei con le immagini scattate da me: così, all’interno del Liceo, ho partecipato ogni anno al Premio Roberto Giontella, classificandomi terza, seconda e prima al quinto anno di studi.

In realtà scrivo ancora e realizzo fotografie, ma studio tanto e mi metto in gioco come storico dell’arte ed educatore musicale, è un approccio diverso ma un contesto in cui bisogna comunque essere creativi e aperti. Il mio obiettivo non è piu esporre nei musei, ma gestire il museo ed entrare a far parte della realtà museale a livello pratico”.

Laurea con 110 e Lode, Premio America Giovani e Master in relazioni internazionali: a chi devi dire grazie?

“Ai miei genitori”.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.