Fiano Romano – La Consigliera più giovane ama il formaggio e la statistica

Eletta con 171 preferenze, Giulia Patrignani afferma: "Farò sempre un'opposizione sana e pulita"

Presentatasi con Fratelli d’Italia nel Centrodestra Unito, ed eletta con 171 preferenze Consigliera di opposizione, Giulia Patrignani con i suoi 29 anni è la Consigliera più giovane dell’Assemblea. È figlia mezzana di una mamma abruzzese e un padre autoctono; ha frequentato il corso di Ingegneria dell’Informazione, Informatica e Statistica, per poi laurearsi in Statistica, Economia, Finanza ed Assicurazioni nel 2017. Subito ha iniziato a lavorare per l’ingegnere della sicurezza sul lavoro fianese Giuliano Gentili, poi per un’azienda di informatica. “Non potendo più acquisire nulla in questo ambito”, racconta Patrignani, “sono passata al campo idrico, lavorando per una SpA esecutrice di ACEA ATO2 che è a Monterotondo Scalo, la CEBAP, dove mi occupo di pianificazione degli interventi per le squadre di idraulici, escavatoristi ed autisti. Per la sicurezza sugli appalti, faccio da tramite tra l’ufficio preposto e gli operai delle squadre in cantiere”.

Patrignani, si aspettava di entrare a far parte del Consiglio Comunale?

Sinceramente no, sono onorata del voto dei cittadini, vuol dire che hanno riconosciuto le mie capacità e gli aiuti che ho dato nel mio percorso di vita. Non ho mai fatto volontariato, ma mia madre lavora in uno studio medico e mi è capitato, quando gli anziani non riuscivano ad andare a prendere le ricette in ambulatorio, di consegnarle nelle case, direttamente nelle casette della posta.

E cosa è successo il 4 ottobre?

Concluse le elezioni, sono rimasta in piazza a parlare con gli anziani, i quali mi hanno detto che mi ritengono una persona molto disponibile. Hanno aggiunto: “Ora che ci sei tu lì ora qualcuno forse ci ascolterà”, e questo mi ha fatto molto piacere. Forse il mio modo di approcciarmi alle persone e di pensare, la mia formazione in famiglia hanno contato più della richiesta dei voti.

LEGGI ANCHE  Fiano Romano - Covid, nuove disposizioni in vista del Natale

I suoi genitori l’hanno sostenuta in questa scelta politica?

Entrambi molto, ma mio padre Aroldo, autista di mezzi pesanti in pensione, è stato presente fisicamente con me ad ogni evento. Mia madre meno, ma lei è una super impegnata: si sveglia alle 5:00 per occuparsi dell’orto e degli zii anziani, nonché della nipotina.

Siederà presto tra gli scranni dell’opposizione. Che effetto le fa?

Sono giovane e ho molte lacune, non lo nego, sarò supportata anche dal mio partito e dal candidato sindaco, Andrea De Fabiis, con cui mi confronterò sempre. Sono pronta ad apprendere quello che non so. Farò sempre una opposizione sana e pulita, il senso dell’opposizione è che sia costruttiva, per aiutare il paese, non sono per la guerra ad oltranza: è un’espressione che a me non piace.

Sarà anche accanto ad Uliana Paladini, Consigliera del PD e, sottolinea Paladini, la donna che ha preso più preferenze alle elezioni. Lei come legge questa affermazione?

Se lei è entusiasta, anche io sono contenta per lei: probabilmente era uno dei suoi traguardi. Per aver preso tanti voti, probabilmente qualcosa di buono l’avrà fatto; credo poi che ogni votante abbia ponderato bene la sua scelta, specie in un momento in cui pochi sono andati a votare.

LEGGI ANCHE  Elezioni Città metropolitana, 11 candidati arrivano dal Nord est

Sarete anche le uniche due donne in opposizione…

Spero di trovarmi in sintonia con lei, perché le donne a volte riescono ad essere molto più cattive degli uomini, invece mi farebbe piacere trovare una sana competizione e un dialogo aperto, maggiormente con una donna.

Cosa le piacerebbe realizzare in Consiglio Comunale?

Considerando che mi occupo del campo idrico, vorrei riuscire a presentare dei progetti per risistemare le fognature di Fiano, che in alcune zone sono inadeguate, soprattutto nella zona industriale e sotto piazza Nassiriya, dove molte persone hanno reflusso di acque scure in casa. Alcune di loro mi hanno fermata per strada per chiedermi degli allacci: per loro posso almeno informarmi, poiché ho contatti con i direttori operativi di ACEA ATO2 del territorio di Fiano.

Cosa fa quando non lavora?

Per passione faccio l’orto, il formaggio e la ricotta di pecora con mia mamma, perché mio zio ha un suo gregge, e portiamo avanti la tradizione di famiglia. Poi mi piace molto tagliare l’erba: mi aiuta a liberar la mente. Talvolta esco a cena con le mie amiche, ma faccio presto perché spesso mi alzo alle 5.30: la mattina voglio fare tutto con calma, sono molto precisa e non voglio fare tardi.

Ha ricevuto da qualcuno consigli che ritiene potranno esserle utili?

No, ma molti cittadini mi hanno scritto: “Siamo contenti che ci sei tu, non farti abbindolare, rimani come sei”.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

7s