Monterotondo – Giada Lanzellotti alla conquista di Miss Italia, con il sorriso

Sua madre l'ha iscritta a sua insaputa al concorso. Spera un giorno di diventare ostetrica, per aiutare a dare la vita

Ancora una volta una bellezza eretina ambisce alla corona di Miss Italia. Lo fa grazie ai suoi 52 chili di peso, distribuiti armonicamente sul suo metro e 75 centimetri di altezza; il tutto corredato da un sorriso che non si dimentica.

Il nome dell’aspirante miss è Giada Lanzellotti, che ha partecipato domenica alle selezioni nazionali del concorso nazioanal-popolare per eccellenza, che quest’anno dovrebbe svolgersi a Jesolo, dopo aver conquistato la settimana precedente la fascia di Miss Sorriso Lazio.

La nostra in realtà è nata a Roma, ma è arrivata a Monterotondo quando aveva solo due anni. Un anno dopo, suo padre è sparito senza lasciare traccia di sé, così Lanzellotti è cresciuta con la mamma, di recente con il marito di lei (la quale lavora in una agenzia per il lavoro di Roma) e con una sorella di dieci anni. L’aspirante Miss ha frequentato a Monterotondo la scuola dell’obbligo, poi il Liceo delle Scienze Umane “Gaio Valerio Catullo”, prima di iscriversi all’università alla Facoltà di Biotecnologie di Viterbo, con l’intenzione di passare il prossimo anno a Scienze Infermieristiche a Tor Vergata.

LEGGI ANCHE  Renzo Arbore nominato cavaliere di Gran Croce

Lanzellotti, perché vuole diventare infermiera?

In realtà voglio diventare ostetrica, ma ho pensato fosse meglio iscriversi alla laurea triennale di Scienze Infermieristiche e poi fare il passaggio ad Ostetricia, perché quella lascia aperte molte porte. Il mio sogno, sin da quando avevo sei anni, è aiutare a dare alla luce nuove vite: l’ho sempre desiderato. In futuro, spero di avere una famiglia numerosa.

Con la sua sorellina si comporta un po’ da mamma?

Sì, perché la mia lavora, quindi io la porto a scuola la mattina, il pomeriggio quando serve la porto a nuoto, o a teatro. Io esco solo il fine settimana, quando mamma non lavora e può badare a mia sorella.

A chi somiglia, fisicamente?

LEGGI ANCHE  Capena - La Regione Lazio boccia la variante al Piano Regolatore

Nel fisico a mio nonno materno, che era magro e longilineo; di viso invece sono identica a mia madre.

Ricorda qualcosa di suo padre?

No, so come è fatto perché ho delle foto, e vedo che di lui ho ripreso solo il naso.

Come ha deciso di partecipare al concorso di Miss Italia?

Mia madre e mia zia mi hanno iscritto per gioco al concorso online, quest’estate, mandando foto e taglie, senza dirmi nulla. Qualche settimana fa mi è arrivato il messaggio che mi ammetteva al primo casting, cui sono andata sabato 20 novembre. Eravamo 40 ragazze alla finale regionale, poi siamo rimaste in otto. Domenica 28 novembre si sono incontrate all’incirca 200 ragazze, da tutta Italia, e ne scegliernano 30 che parteciperanno alla finale, ma ancora non conosco l’esito della selezione.

Trovate l’intervista completa da oggi su Tiburno cartaceo, in edicola o in digitale.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *