Ucraina – Tregua di cinque ore, sfollano 200mila persone

Il presidente ucraino: "Non sono fuggito, sto lavorando"

La Russia ha annunciato per stamattattina cinque ore di tregua. Lo scopo è quello di aprire corridoi “per l’uscita di civili da Mariupol e Volnovakha”, ha detto il ministro russo alla Difesa. Ma le autorità municipali di Mariupol affermano che i russi non stanno osservando la tregua annunciata da Mosca lungo tutto il percorso concordato. Nel frattempo in tutto il mondo mobilitazioni in favore della pace. (Nella foto lo scatto di una nonna nella manifestazione di ieri a Castel Madama)

Sono oltre 200mila le persone che saranno evacuate dalla città ucraina di Mariupol e più di 15mila da Volnovakha lungo i corridoi umanitari, stando alla vicepremier ucraina Irina Vereshchuk, scrive la Tass, ripresa dall’Ansa.

Prosegue intanto la marcia russa sull’Ucraina alla vigilia di un fine settimana che vedrà un terzo round di negoziati con Mosca e manifestazioni per la pace in molte città.

LEGGI ANCHE  Al CineMancini il Monterotondo Film Festival

RISCHIO NUCELARE

Ieri le sirene sono risuonate vicino a Kiev con un bilancio di 5 morti di cui 3 bambini e intorno al porto strategico di Mariupol, assediato, il sindaco denuncia attacchi “spietati”. Ma a preoccupare in queste ore è soprattutto l’avanzare verso una seconda centrale nucleare dopo quella di Zaporizhzhia, la più grande d’Europa, dove gli addetti lavorano da ieri sotto la minaccia delle armi. Fortunatamente nessun reattore è stato colpito.

I DATI

Kiev afferma di avere distrutto almeno 39 aerei e 40 elicotteri russi dall’inizio dell’invasione; il Pentagono fa sapere che Mosca ha già dispiegato in Ucraina il 92% delle forze ma anche che Kiev è in grado di resistere.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky insiste affinché la Nato crei una no-fly zone accusando l’Occidente che vi si oppone di essere responsabile delle morti.

LEGGI ANCHE  SAGRE – A Bellegra la Sagra delle tacchie ai funghi porcini

Zelensky smentisce una sua fuga in Polonia, come insinuato da Mosca, facendosi riprendere nei suoi uffici di Kiev. Il suo consigliere Mikhaylo Podoliak fa sapere che i negoziati con Mosca “non saranno facili ma ci saranno”.

Fiumi di profughi si dirigono verso le frontiere e una nuova riunione del Consiglio di sicurezza dell’Onu convocato per lunedì dovrà decidere come garantire i corridoi umanitari.

A Mosca, intanto, Putin oscura social e media e molti di questi lasciano la Russia. Diverse Federazioni sportive mettono al bando gli atleti russi e bielorussi, tra queste la Ginnastica e la Boxe che la crisi si allarghi a Georgia, Moldavia e perfino alla Bosnia. L’Occidente applica le sanzioni sui beni degli oligarchi.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.