Addio, Libero De Rienzo

Chi fa questo mestiere ingrato lo ricorderà per la magistrale interpretazione di Carlo Siani

Da giorni gli amici lo cercavano al telefono senza risposta. Stamattina la decisione di dare l’allarme. Il corpo senza vita dell’attore è stato trovato nella casa a Roma. Libero aveva 44 anni. Le procedure per attivare la ricerca sulle cause della morte sono state attivate ma probabilmente si ritiene sia un infarto. Sarà comunque sottoposto ad autopsia.

Nato a Forcella, De Rienzo era stato adottato a Roma dove aveva vissuto le prime soddisfazioni di attore. Aveva debuttato a teatro nel 1996 col gruppo catalano Fura des Baus. Di lì collaborazioni col gruppo Area Teatro a Roma.

Sul grande schermo esordisce con “Asini” di Antonello Grimaldi. È stato il protagonista di un film di successo: “Santa Maradona” col quale vince il David di Donatello come miglior attore non protagonista.

LEGGI ANCHE  "Basta con giocare all'elastico tra quel che si fa e quel che si dice in piazza"

L’interpretazione per cui è più ricordato è il film del 2009 Fortapasc in cui interpreta il giornalista Giancarlo Siani ucciso dalla camorra.

Fu una figura talmente calzante sulla fisionomia cortese e ferma del giornalista ben consapevole dei rischi che correva nella sua realtà ma con la determinazione di assumerli per la missione di un mestiere ingrato. Da allora la figura di Giancarlo Siani è quasi sovrapponibile a quella del giovane attore scomparso.

 

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *