Tivoli – Brillante conclusione dell’operazione “Punteruolo rosso”: Carabinieri bloccano piazza dello spaccio

Dopo le opportune verifiche e indagini del caso, e sotto l’egida della locale Procura della Repubblica, è scattata un’ordinanza di custodia cautelare in regime di arresti domiciliari, partita dal Tribunale di Tivoli, verso due fratelli P.S., 43 anni e D.S. 35 anni e  J.B. 20 anni che dovranno rispondere di spaccio e detenzione di sostanze stupefacenti. Per giorni, i “pusher” hanno approfittato del normale traffico dei clienti del centro commerciale per svolgere le loro attività di “vendita” praticamente alla luce del sole, passando inosservati ma non all’occhio delle telecamere di videosorveglianza né ai Carabinieri. Le perquisizioni nelle abitazioni degli indagati hanno restituito 60 grammi di hashish divise in nove stecche già pronte per essere immesse sul mercato illegale, 290 grammi do marijuana e una pistola dalla matricola abrasa, occultata all’interno di un forno da giardino, più 34 cartucce di diverso calibro. A seguito del rinvenimento della pistola, sono stati tratti in arresto S.P., di 43 anni, S.D. di 36 anni, G.L. di 21 anni, G.A. di 24 anni, interrogati anche per il possesso delle sostanze stupefacenti. Il “bottino” illegale sarà spedito ai laboratori RACIS per le conseguenti analisi balistiche e tossicologiche, mentre la persona tratta in arresto per possesso di arma illegale sarà trasferita a Rebibbia, in attesa del rito di convalida. Gli arrestati per possesso di sostanze stupefacenti resteranno ai domiciliari, in attesa del rito di convalida.

LEGGI ANCHE  GUIDONIA - Incendio a Colle Largo, il sindaco: "Telecamere e droni nelle zone a rischio"

TIVOLI - Operazione Punteruolo Rosso 1

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.