Il pulmino del Centro Maria Gargani distrutto dalle fiamme

Guidonia, in fiamme il pulmino per disabili del Centro Maria Gargani

Il mezzo veniva utilizzato per trasporto dei ragazzi in carrozzina

Distrutto dalle fiamme il pulmino utilizzato dai volontari del Centro Maria Gargani per il trasporto dei diversamente abili. Il mezzo era allestito con la piattaforma per le persone in carrozzina ed era indispensabile per le attività della onlus di Villalba di Guidonia. Il fuoco è divamapato verso le ore 22 di mercoledì sera, in via delle Regioni, ed i volontari l’hanno scoperto poco dopo.


“Eravamo in sede per una riunione, stiamo organizzando il presepe vivente al Parco Di Nella, siamo usciti e l’abbiamo visto in fiamme – racconta il presidente del Centro Maria Gargani, Isidoro Fabi -. Abbiamo provato a spegnerlo con degli estintori ma ormai era impossibile“.
Al momento non è possibile risalire alle cause del rogo. Un cortocircuito, anche se sembrebbe improbabile, non si può escludere però “il nostro meccanico ci ha detto che è molto difficile che si tratti di un cortocircuito“.

LEGGI ANCHE  TIVOLI - Anche i docenti chiedono maggiore sicurezza e vogliono la DAD
Il pulmino necessario per le attività del CMG di Villalba

I VANDALI

Abbiamo avuto degli atti vandalici nel parco, la tensostruttura che accoglie alcuni laboratori era stata danneggiata, tagliata, due settimane fa. Pensiamo, vogliamo sperare, che siano solo coicidenze e che sia trattato di una causa meccanica“.

Le fiamme hanno distrutto il mezzo del Centro Maria Gargani, acquistato solo 5 anni fa
Le fiamme hanno distrutto il mezzo del Centro Maria Gargani, acquistato solo 5 anni fa

LA RICHIESTA DI AIUTO

Il mezzo, costato 60 mila euro ed acquistato cinque anni fa, era importantissimo per i ragazzi. “Al momento abbiamo sette persone che usano la carrozzina e questo era un mezzo fondamentale per assicurare il trasporto alle famiglie di questi ragazzi. Faremo partire una campagna di sensibilizzazione rivolta a chiunque ci possa dare una mano“.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *