Viaggia sul Gra con 17 chili di marijuana, a casa ne aveva 39 di hashish

Blitz della Polizia Stradale

Probabilmente se non fosse andato così di fretta, l’avrebbe franca. Invece, per portare il carico a destinazione nel più breve tempo possibile, ha iniziato a zigzagare in mezzo al traffico del Grande Raccordo Anulare, sfrecciando perfino sulla corsia d’emergenza.

Così nei giorni scorsi la Polizia di Stato ha arrestato un uomo per detenzione e trasporto di sostanze stupefacenti.

Lo annuncia la Questura di Roma in un comunicato stampa diffuso nella giornata di oggi, mercoledì 10 luglio.

Secondo la nota, gli agenti della Sottosezione Polizia Stradale di Settebagni hanno notato, all’altezza del chilometro 4 della carreggiata interna del Grande Raccordo Anulare, un’autovettura che effettuava cambi di corsia nell’intenso traffico pomeridiano, impegnando ripetutamente la corsia d’emergenza.

LEGGI ANCHE  FONTE NUOVA - Assalto in macelleria, rubato il fondocassa e un quarto di bue

Fermato il veicolo, durante il controllo della documentazione i poliziotti hanno subito avvertito un forte odore provenire dall’autovettura, riconducibile alle esalazioni caratteristiche degli stupefacenti. A quel punto gli agenti hanno ispezionato il veicolo rinvenendo nel portabagagli un borsone contenente numerose buste di plastica al cui interno erano nascosti 17 chilogrammi di marijuana.

Le successive attività investigative eseguite presso i luoghi nella disponibilità del conducente del veicolo hanno fatto trovare ulteriori 39 chili di hashish diviso in panetti da circa 100 grammi ciascuno.

L’uomo è stato quindi arrestato e per lui è stata disposta la custodia cautelare in carcere.

Nel comunicato la Questura evidenzia che ad ogni modo l’indagato è da ritenere presunto innocente, in considerazione dell’attuale fase del procedimento, ovvero quella delle indagini preliminari, fino a un definitivo accertamento di colpevolezza con sentenza irrevocabile.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.