Monterotondo – Raccolta di firme contro il taglio e la capitozzatura degli alberi

L'Associazione Centro Storico in Movimento la organizza sulla piattaforma Change.org

L’Associazione Centro Storico in Movimento ha organizzato una raccolta di firme per fermare la capitozzatura e il taglio delle alberature di Monterotondo sulla piattaforma Change.org. Il testo della raccolta recita:

“Chiediamo di fermare immediatamente ogni ulteriore abbattimento degli alberi nel territorio del comune di Monterotondo.

Vogliamo che ogni albero della città sia considerato patrimonio della collettività
e che sia garantito – anche attraverso la creazione di una Consulta permanente del verde urbano – il coinvolgimento attivo dei cittadini, valorizzandone le loro istanze, per offrire un contributo volontaristico e gratuito al miglioramento dell’azione amministrativa.

L’accanimento con il quale sono stati abbattuti, invece, nell’ultimo triennio, alberi in numerose aree del Comune di Monterotondo, e molti alti capitozzati, appare in totale contrasto con le indicazioni nazionali ed europee in relazione ai benefici delle grandi alberature per aspetti essenziali quali il miglioramento degli estremi climatici, con mitigazione delle isole di calore, e lo stoccaggio e sequestro di carbonio, fattore fondamentale del riscaldamento globale (un tiglio adulto può stoccare in media più di 3000 kg di CO2, otto volte di più dei peri proposti). Inoltre le grandi alberature riducono l’inquinamento acustico, migliorano della qualità dell’aria, valorizzano gli aspetti architettonici degli edifici, aumentando il valore delle proprietà, e in generale contribuiscono alla salute umana migliorando la vivibilità e la qualità della vita.

LEGGI ANCHE  Monterotondo - Occupazione del suolo pubblico, dal 2022 un po' più facile

Chiediamo, perciò, che tutti gli alberi siano tutelati e accuditi adeguatamente e che ogni intervento di cura sia fatto eseguire da tecnici in possesso di adeguata certificazione in materia di cura e gestione del verde urbano, poiché le capitozzature sbagliate del passato costituiscono il problema del presente.

Chiediamo, infine, al Comune di Monterotondo di Monterotondo di assicurare al più presto tutti gli adempimenti previsti dalle prescrizioni di legge per la gestione del verde pubblico e, in particolar modo di dotarsi di un Censimento e Catasto del Verde, del censimento degli alberi di pregio e monumentali, di applicare la legge del Bilancio Arboreo, (n. 10 del 14 gennaio 2013, art. 2), e di adottare un Piano Comunale del Verde, cioè dell’elaborato gestionale integrativo del PRG per il sistema verde, avente funzione di pianificazione, tutela e controllo per le reti del verde urbano ed agricolo”.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *