GUIDONIA – Museo Lanciani, la famiglia Ciarletta dona un’anfora del 1500

Rinvenuta in una stalla nelle campagne di Montecelio: dono in memoria di Aleandro e Natalina

Per decenni ha fatto da soprammobile in casa dei genitori. Ma ora che gli anziani coniugi non ci sono più, gli eredi hanno deciso di consegnarla al patrimonio pubblico.

Così sabato 27 agosto una famiglia di Guidonia centro ha donato al Museo civico “Rodoldo Lanciani” di Montecelio un’anfora di ceramica risalente al XVI secolo in memoria di Aleandro Ciarletta e Natalina Tuzi, marito e moglie scomparsi rispettivamente il 9 febbraio scorso a 40 giorni dal suo 101esimo compleanno e il 26 luglio all’età di 93 anni.

A consegnare l’anfora alla professoressa Maria Sperandio, una delle responsabili del Museo Lanciani, sono stati i quattro figli di Aleandro e Natalina, Antonio, Claudia, Massimo e Paola Ciarletta.

LEGGI ANCHE  GUIDONIA - Il sindaco cerca un dirigente, arriva l’assessore di Tivoli?

Secondo gli studiosi, la realizzazione dell’anfora risale al 1500 mentre a sentire gli eredi Ciarletta il suo rinvenimento avvenne all’inizio del secolo scorso.

I nostri antenati – spiegano Antonio, Claudia, Massimo e Paola Ciarletta – erano originari di Scanno e acquistarono una stalla nelle campagne di Montecelio, nella cosiddetta zona di Fonte Vecchia, all’interno della quale ritrovarono l’anfora.

Da allora i nostri genitori l’hanno custodita come un tesoro nella loro casa in via degli Spagnoli, a tal punto che negli anni Sessanta rifiutarono anche l’offerta di un antiquario che la stimò per un valore pari a 500 mila lire.

Ora che mamma e papà non ci sono più era desiderio di ciascuno di noi custodirla in casa propria, per questo abbiamo deciso di donarla al Museo civico affinché la memoria dei nostri genitori si conservi nei secoli”.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.