TIVOLI – Benvenuta Aurora Elena, è nata in ambulanza durante la corsa in ospedale

E’ accaduto oggi sull’ambulanza 118 della Croce Rossa Italiana di Guidonia

L’ambulanza ha tentato di arrivare il prima possibile in soccorso della mamma, ma lei aveva tanta voglia di venire al mondo.

Così oggi, sabato 5 novembre, la piccola Aurora Elena è nata a bordo di un’ambulanza del 118.

Il fatto è accaduto a Tivoli Centro ed è stato reso pubblico dall’equipaggio della Croce Rossa Italiana del Comitato Locale di Guidonia Montecelio, che gestisce il servizio di 118 nella Asl Roma 5.

Verso le 10,30 la Centrale operativa dell’Ares – Azienda Regionale Emergenza Sanitaria – ha richiesto un intervento della Croce Rossa Italiana in un’abitazione di Tivoli Centro dove una donna di 38 anni in stato interessante accusava le doglie.

LEGGI ANCHE  Ingerisce un tappo, bimbo di un anno e mezzo muore soffocato

Partita dalla sede di viale Roma a Guidonia, l’ambulanza – Mezzo ASI 1730 -è arrivata a Tivoli e, transitando tra vicoli e sensi unici, ha raggiunto la mamma.

L’equipaggio ha fatto giusto in tempo a caricare la donna a bordo ed Elena Aurora è nata prima che l’ambulanza raggiungesse il pronto soccorso dell’ospedale “San Giovanni Evangelista” di Tivoli.

Certe volte non ti trovi solo di fronte ad emozioni negative – ha commentato l’equipaggio composto dall’autista Francesco Bracci, dal soccorritore Radu Andrei Prodan, dall’infermiera Mariana Gheorghita e da una giovane tirocinante – Certe volte ti rendi conto che la vita è un attimo, il tempo scorre e in un secondo si trasforma tutto. Oggi per noi si è trasformato tutto in meglio!

Alle ore 10:47, c’era un qualcuno che non resisteva più a stare nella panciona della Mamma e proprio all’interno di questa ambulanza è nata Aurora Elena.

I migliori auguri alla mamma, al papà e alla piccolina che da oggi inizierà a vedere il mondo con i propri occhi”.

LEGGI ANCHE  TIVOLI – Si rompe un camion, città paralizzata

Benvenuta Aurora Elena e auguri alla famiglia dalla redazione di Tiburno.Tv.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.