Sagra d’Autunno a Vallepietra: fagioloni e non solo

Nel week end due giorni di mercatini, musica e buon vino

A Vallepietra nel paese delle orchidee e dei fagioloni, gli enormi fagioli bianchi locali da non confondere con quelli di Spagna, sabato 5 e domenica 6 novembre si festeggia la Sagra d’Autunno.

La festa si aprirà sabato sera, alle 21, in piazza San Cristoforo con castagne e vin brulé. Domenica da mezzogiorno pranzo in piazza. Il menu: bruschetta con crema di fagioli, fettuccine al cinghiale, arrosticini, contorno di fagioli, bevande e dolce. In entrambe le giornate saranno aperti mercatini di artigianato. Sempre in piazza musica dal vivo.

Un fagiolo da tutelare

Fagioli da tutelare. A Vallepietra è stata appena inaugurata “La Casa delle Sementi”. In un locale annesso all’antico mulino ad acqua con macina a pietra sono stati raccolti i semi dei fagioli tipici della Valle dell’Aniene, fagioli rari e gustosi.

LEGGI ANCHE  TIVOLI - Mercanti in piazza, oggi il mercatino dei più piccoli

Raccoglierà il Fagiolo Cioncone, la Fagiolina Arsolana, il Fagiolo Regina di Marano Equo,il  Fagiolo Cappellette, quello Fagiolo Romanesco e quello Pallino, il famoso Fagiolone di Vallepietra e il Mais Agostinella.

La Casa delle Sementi della Valle dell’Aniene è un progetto pilota, finalizzato al recupero e alla riproduzione delle risorse genetiche autoctone dell’area, tramite gestione partecipata. Un punto d’incontro per gli agricoltori del territorio interessati alla coltivazione delle varietà locali della Valle, tutelate da una legge regionale del 2000.

Il Santuario della Santissima Trinità

Vallepietra è famosa, in particolare, per il Santuario della Santissima Trinità, meta di pellegrinaggi da tutto il Lazio ma anche dall’Italia. Sarà visitabile anche nei due giorni di festa.

LEGGI ANCHE  GUIDONIA – Piscina comunale, vince l'unica partecipante alla gara: gestione a 1.500 euro al mese

E’ un santuario dedicato alla Trinità ricavato nella roccia a 1337 metri di altitudine.

Il pianto delle zitelle

Tra gli eventi religiosi locali “Il pianto delle zitelle”, una laude sacra composta all’inizio del 1700, rappresentata e cantata dalle “Zitelle” sul piazzale del Santuario la mattina della festa SS. Trinità. Tutte sono vestite di bianco, solo la Madonna veste di nero.

Attraverso i simboli e i personaggi che hanno accompagnato le ultime ore della vita di Gesù e la sua morte, il Pianto invita i pellegrini alla conversione facendo rivivere intensamente la Passione di Cristo. La rappresentazione si conclude con un inno alla Santissima Trinità.

Il Santuario della Trinità a Vallepietra
Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.