Rapinato in strada il figlio di Salvini

Il 19enne, figlio del vice premier, è stato rapinato con dei cocci di bottiglia da due nordafricani

Due giorni prima di Natale il figlio diciannovenne di Matteo Salvini, Federico, è stato minacciato con un coccio di bottiglia e rapinato del cellulare a Milano, nella zona ovest della città.

Erano passate le 20, ora di cena nella sera dell’antivigilia di Natale, quando due uomini nordafricani si sono avvicinati a Federico che stava camminando vicino a una fermata della metro e lo hanno rapinato del telefono per poi scappare.

Il ragazzo non ha potuto dare l’allarme perché non aveva più il telefono con sé. Quindi è arrivato a casa del padre a piedi. Ed è da lì, dove si trovava il ministro delle Infrastrutture con la scorta, che è partita la telefonata per denunciare la rapina.

LEGGI ANCHE  TIVOLI - Strisce Blu, per pagare più facilmente arriva l'app myCicero

E’ capitato a lui come, purtroppo, capita a tanti a Milano“, è stato il commento del vice premier e ministro delle Infrastrutture Salvini riferito da fonti della Lega, dopo che la notizia è rimbalzata sui media. Un secondo momento di fama involontaria per Federico, dopo le polemiche di tempo fa perché era salito su una moto d’acqua della polizia a Milano Marittima quando il padre era ministro dell’Interno. “Fortunatamente non si è fatto male nessuno“.

Il telefono è stato ritrovato, poco distante. Lo ha consegnato alla polizia alla vigilia di Natale un negoziante egiziano a cui l’avevano proposto in vendita. A Federico Salvini è stato restituito il giorno di Santo Stefano.

LEGGI ANCHE  Arrestato il boss Matteo Messina Denaro: era latitante da trent'anni (il video)

Intanto continuano le indagini per identificare i due rapinatori. Gli investigatori stanno esaminando le telecamere della zona.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.