GUIDONIA – Fantasmi al cimitero – VIDEO/PARTE 1

Viaggio di Tiburno.Tv tra loculi e salme estumulate

Società fantasma. Cimitero. E soldi pubblici.
Un sistema noto nel Comune di Guidonia Montecelio negli anni dell’amministrazione Rubeis, già oggetto di un’inchiesta giornalistica del settimanale Tiburno e di un’indagine giudiziaria da parte della Procura di Tivoli .
Oggi quel sistema sembra tornare d’attualità con l’amministrazione “civica” del sindaco Mauro Lombardo che ha deciso di liquidare 135 mila euro come debiti fuori bilancio a due società fantasma.
Società vuote, senza personale, senza sedi, senza bilanci, ma “burocraticamente” perfette.
Società che eseguono lavori esclusivamente per conto del Comune di Guidonia Montecelio. E per nessun altro.
A distanza di sette anni dall’assegnazione degli appalti del cimitero, lo scorso 28 dicembre 2022 il Consiglio comunale ha deliberato il pagamento di quei 135 mila euro sulla base di due decreti ingiuntivi del Tribunale di Tivoli. Decreti ai quali il Comune non si è mai opposto.
A proporre al Consiglio comunale il riconoscimento della legittimità dei debiti fuori Bilancio è stata la dirigente del settore Urbanistica e Patrimonio, architetto Cristina Zizzari, e il geometra Salvatore Mazza, funzionario comunale in pensione da pochi giorni, storico responsabile dell’Ufficio cimiteriale.
L’architetto Zizzari e il geometra Mazza sono due dei principali protagonisti di questa storia di appalti pubblici al cimitero affidati a ditte fantasma che oggi passano all’incasso.
Vale la pena ricordare che nel 2017 il geometra era finito insieme ad altre 10 persone nella maxi inchiesta della Procura di Tivoli sul cimitero di Guidonia nell’ambito della quale furono indagati il titolare di una delle due ditte fantasma, oltre ad imprenditori, professionisti, dipendenti pubblici e politici, tra cui Andrea Mazza, 39enne di Guidonia, figlio del geometra Salvatore e neo eletto Consigliere comunale della lista civica “Città Nuova” a sostegno del sindaco Lombardo.
Vale inoltre la pena ricordare che a novembre 2021 il Pool Anticorruzione coordinato dal Procuratore Francesco Menditto ha archiviato l’inchiesta sul cimitero di Guidonia: sulla base delle intercettazioni ambientali e telefoniche, infatti, i magistrati di Tivoli si convinsero che i Mazza avevano sì un interesse sulla gestione del camposanto, tuttavia non è emersa alcuna prova che padre e figlio abbiano mai ottenuto una qualche utilità.
Sarà anche per questo che il 20 dicembre 2022 la dirigente Cristina Zizzari ha assegnato al geometra Salvatore Mazza l’incarico di Posizione Organizzativa con effetto retroattivo a decorrere dal primo settembre 2022.
Una promozione a pochi giorni dal pensionamento, comunicata anche al sindaco Mauro Lombardo, all’assessore all’Urbanistica Anna Mari, all’assessore al Personale Stefano Salomone e alla nuova Segretaria Generale Gloria Di Rini.
Una promozione con effetto retroattivo, un vero e proprio salto indietro nel tempo.
Lo stesso salto indietro lo ha fatto il quotidiano on line Tiburno.Tv alla ricerca delle due società fantasma.
Lo vedrete nel prossimo episodio.

Condividi l'articolo:
LEGGI ANCHE  GUIDONIA - “Parli troppo, sei un infame”, ecco le ragioni del sequestro del ventenne

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.