Subiaco – Un ostello per sportivi, escursionisti e turisti. Dal Consiglio l’ok alla trasformazione dell’ex Dazio

Approvato dal Consiglio comunale di Subiaco, riunito sotto la presidenza di Claudia Di Pasquali, il progetto per la ristrutturazione e ampliamento dell’edificio dell’ex Dazio da adibire ad Ostello.
“La necessità di avere uno spazio ricettivo nel centro abitato – ha spiegato il Consigliere delegato ai Lavori Pubblici, Gabriele Cignitti – nasce dall’importante attività che da anni svolgono a Subiaco alcune associazioni nell’ambito degli sport fluviali come canoa, pesca e rafting, richiamando migliaia di persone. Per questo motivo – ha aggiunto Cignitti – è stata preferita l’area dell’ex Dazio in via Cadorna, essendo prossima al corso del fiume Aniene, servita da infrastrutture capaci di ospitare agevolmente un buon numero di veicoli e ben collegata alla viabilità ordinaria ed ai percorsi pedonali”.
Il progetto, per la cui realizzazione la Regione Lazio ha concesso al comune di Subiaco un contributo di 720mila euro, ma sui cui contenuti si sono astenuti in sede di votazione i Consiglieri di opposizione Ivan Petrini, Pier Paolo Scattone e Mario Segatori, prevede che all’attuale struttura venga aggiunto a valle del lotto un edificio in tre livelli, di cui il primo destinato a magazzino e gli ultimi due per le stanze dell’Ostello (ne sono state previste 12 capaci di ospitare fino a quattro posti letto per un totale di 48 ospiti), collegati con scala ed ascensore. La quota dell’ultimo livello corrisponderà a quella dell’edificio attuale, con riduzione dell’impatto visivo su via Cadorna, mentre l’esterno conserverà la memoria storica del luogo, compresa la “pesa” del vecchio Dazio.“Questo modello ricettivo – ha detto ancora Cignitti – garantisce l’offerta di un servizio necessario senza entrare in conflitto con altre attività presenti nel centro urbano di Subiaco”.
L’intervento si propone, inoltre, l’uso di sistemi di bioedilizia mettendo in opera una struttura in pannelli prefabbricati in legno, in grado di assicurare elevati livelli di confort ambientale e risparmio energetico, oltre alla installazione di pannelli di fotovoltaico sulla copertura del vano scala e ascensore.

Fabrizio Lollobrigida

Condividi l'articolo:
LEGGI ANCHE  GUIDONIA - Bocce, il Circolo di Villanova si gemella con Termoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.