Guidonia, futuro cave – Polo Civico: “I conti non tornano”

“Un mese fa Sindaco ed Amministrazione hanno fatto proclami trionfalistici dopo l’incontro in regione dicendo che erano stati fatti passi avanti verso la risoluzione del problema e che si sarebbero aggiornati a settembre. Ora, all’improvviso e sotto ferragosto, arrivano le ordinanze di chiusura. “La tempistica é decisamente significativa – hanno criticato dal Polo Civico -. Si è veloci e concreti su alcune questioni, in ritardo ed inefficienti su altro come ad esempio buche, potature, manutenzione giardini, proroghe ai servizi sociali. Inoltre il Sindaco riesce persino a smentire se stesso”.

 

“I fatti sono due – hanno aggiunto i consiglieri del Polo Civico, Mauro Valeri, Mauro De Santis e Mario Proietti -: o il Sindaco ha mentito a tutti un mese fa, ed il suo progetto è sempre stato quello di chiudere le cave infischiandosene dei posti di lavoro persi e delle famiglie gettate nella disperazione, oppure il dirigente ha agito da solo sconfessando tutto ciò che ha detto l’amministrazione ed in tal caso sarebbe evidente che l’Amministrazione non controlla nessun procedimento politico di indirizzo ed e’ assolutamente incapace di incidere. Di questo gliene chiederemo conto nel primo consiglio comunale utile. E’ chiaro a tutti che le dichiarazioni rilasciate dal Sindaco non fanno altro che dimostrare l’enorme confusione che regna nel palazzo comunale e sfiorano il ridicolo”.

Il destino di questa città – proseguono – sembra già delineato. L’edilizia è ferma, i piani urbanistici sono bloccati, il commercio è in grave sofferenza e come se non bastasse anche l’ultimo settore che ancora garantisce un livello decente di occupazione, tra diretto e indotto circa 2.000 famiglie, è stato messo in ginocchio da un’amministrazione miope e incapace e sospettiamo in mala fede. Per la nostra città si prospettano tempi duri.  Sembra di imboccare lo stesso viale del tramonto che ha imboccato Detroit, abbandono della città, degrado delle periferie che diventano realtà autonome ed incontrollabili, malessere sociale”.

 

La luna di miele della nuova Amministrazione a 5 Stelle ormai è bella che finita. “I proclami non bastano più e non servono come non serve scaricare la colpa sugli altri. I cittadini sanno fare le loro deduzioni in perfetta autonomia. I cittadini sanno bene che quello che serve alla nostra Città è un’amministrazione che sappia prendere decisioni forti, che sappia dare un indirizzo politico certo, che sappia governare gli eventi e non farsi governare da essi e tutto ciò nella direzione di una rinascita economica della nostra Guidonia Montecelio, perché senza una rinascita economica, senza decisioni forti che salvaguardino i posti di lavoro, senza atti che diano un futuro alle nostre famiglie non ci può essere nessuna altra rinascita”. 

Condividi l'articolo:
LEGGI ANCHE  NEROLA - Pompe di sollevamento in tilt, Borgo senz'acqua da due giorni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.