GUIDONIA – Salvatore Allocca, addio allo scooterista morto nello scontro con l’auto della postina

Domani alle ore 15 i funerali di “Maurizio” nella chiesa di Villanova

Si terranno domani pomeriggio, mercoledì 26 ottobre, i funerali di Salvatore Allocca, detto “Maurizio”, il 48enne di Villanova di Guidonia deceduto in seguito ad un incidente stradale in scooter avvenuto lo scorso venerdì 7 ottobre, a Tivoli (CLICCA E LEGGI L’ARTICOLO).

La funzione sarà celebrata alle ore 15 presso la chiesa di San Giuseppe Artigiano a Villanova di Guidonia, il quartiere dove l’uomo era cresciuto e dove tuttora abitava insieme alla compagna.

Il cuore di Salvatore Allocca si è fermato alle ore 15,22 di martedì scorso 18 ottobre l policlinico “Agostino Gemelli” di Roma dopo 11 giorni di agonia. L’uomo aveva lottato in un letto d’ospedale, tenendo accesa la speranza di familiari e amici in un suo risveglio.

Ma le ferite riportate nello scontro erano state troppo gravi e alla fine il suo cuore aveva ceduto (CLICCA E LEGGI L’ARTICOLO).

Per la sua morte la Procura di Tivoli ha aperto un fascicolo e ha iscritto nel registro delle notizie di reato il nome di una 50enne impiegata italiana residente a Tivoli, che il giorno della tragedia era al volante di una Fiat Panda di Poste Italiane.

LEGGI ANCHE  MONTEROTONDO - Addio a Roberto Buonasorte, Sergio Pirozzi: "Ho perso un fratello, uomo retto e leale"

La donna deve rispondere di omicidio stradale.

La vita di Salvatore Allocca è stata spezzata in un tragico incidente causato da una disattenzione della postina. Secondo la ricostruzione della Polizia Locale di Tivoli, il fatto si è consumato verso le ore 13 di venerdì 7 ottobre all’altezza del civico 113 di via Campolimpido, la strada principale del quartiere alla periferia di Tivoli, nella carreggiata in direzione Guidonia Montecelio.

Salvatore Allocca viaggiava in sella ad un ciclomotore Honda Sh 150 in direzione Guidonia proveniente da Tivoli, dove l’uomo lavorava come responsabile della sicurezza sul lavoro presso una ditta edile.

Gli agenti diretti dal Comandante Antonio D’Emilio hanno accertato che anche la postina procedeva su via di Campolimpido in direzione Guidonia e ha fermato la vettura sulla sede stradale. Ma all’improvviso la 50enne ha aperto lo sportello di guida, proprio mentre nello stesso senso di marcia sopraggiungeva Allocca sul ciclomotore. Pare che il 48enne non abbia fatto in tempo ad evitare l’ostacolo improvviso e dopo aver urtato lo sportello abbia perso il controllo schiantandosi contro una cabina elettrica ubicata nell’opposta corsia di marcia direzione Tivoli.

LEGGI ANCHE  Arrestato il boss Matteo Messina Denaro: era latitante da trent'anni (il video)

Le sue condizioni sono apparse subito gravissime, per questo l’uomo era stato trasportato a bordo di un’eliambulanza al Policlinico Gemelli in prognosi riservata con varie fratture e contusioni polmonari. I sanitari del nosocomio romano lo avevano immediatamente sottoposto ad un lungo e delicato intervento alla colonna vertebrale.

L’operazione era riuscita e familiari ed amici avevano pregato fino all’ultimo.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.