Coldiretti boccia la Regione sui bandi per lo sviluppo rurale

Granieri: “Bandi esigui e inutilmente complessi. Così si lasciano inutilizzati i fondi europei”

Coldiretti Lazio boccia i bandi del Programma di Sviluppo Rurale pubblicati dalla Pisana. E ne indica tre punti critici (modalità, criteri di selezione e tempi di pubblicazioni) puntando il dito contro l’assessorato regionale all’agricoltura, guidato da Enrica Onorati.

Lo riferisce il presidente di Coldiretti Lazio, David Granieri, sottolineando che le misure riproposte ricalcano quelle del vecchio Programma di Sviluppo Rurale, con tutti gli elementi di fragilità che in questi anni si sono dimostrate totalmente inefficaci, soprattutto per quanto riguarda le tempistiche e la burocrazia. Motivo che ha spinto la Coldiretti Lazio a disertare il tavolo di partenariato con la Regione fissato per lo scorso giovedì.

Chiediamo semplificazione ed equità per tutti i territori – spiega Granieri – non c’è stata quella concertazione, che è invece necessaria per poter programmare l’agricoltura del Lazio. Queste scelte condannano il sistema imprenditoriale ad essere vessato dalla burocrazia. Qualcuno intervenga”.

Per pochi operatori

Gli investimenti produttivi agricoli previsti nel documento strategico regionale 2023-2027 prevedono risorse non adeguate e un criterio selettivo che non consente a molte aziende di partecipare. Il numero di operatori a cui questi investimenti sono rivolti, spesso è esiguo, a dimostrazione che non c’è strategia e progettualità nell’assessorato di Enrica Onorati. Gli investimenti per la prevenzione ed il ripristino del potere produttivo agricolo, ad esempio, sono rivolti ad appena 30 operatori.

LEGGI ANCHE  SAMBUCI - Cercasi figuranti per un film: ecco casting e profili

Ci lasciano davvero perplessi le modalità di pubblicazione dei bandi – continua Granieri – come ad esempio quello sul biologico che lascia uno strettissimo arco di tempo alle aziende interessate ad entrare nel sistema biologico per la prima volta”.

A riguardo Coldiretti Lazio aveva scritto proprio lo scorso 14 dicembre all’assessora Onorati, chiedendo tempi adeguati per l’adesione delle nuove aziende. 

Con i criteri di selezione applicati dalla regione – prosegue Granieri – si penalizza fortemente una vasta fascia di imprenditori agricoli che non hanno modo di poter partecipare ai bandi. Aziende penalizzate anche dalla complessità dei bandi che vanno contro i nostri criteri di semplificazione burocratica”.

LEGGI ANCHE  Ballico-Della Rocca: “Distrutti dal dolore per scomparsa Buonasorte. Vicini alla famiglia”

Un nuovo Programma di Sviluppo Rurale che rischia, dunque, di non essere funzionale per le aziende, che resterebbero intrappolate nella maglie della burocrazia e dei suoi tempi lunghi. Una situazione che porta spesso al mancato utilizzo dei fondi messi a disposizione dell’Europa.

Selezioni restrittive

Con una selezione così restrittiva – conclude Granieri – e dei criteri particolarmente selettivi come quelli che sono stati applicati, si rischia di lasciare inutilizzati i fondi messi a disposizione anche dall’Europa per il settore agricolo. La Regione, inoltre, appare in questo modo poco competitiva, a fronte di una mancata concertazione con le parti interessate che meglio avrebbero potuto rappresentare quelle che sono le istanze che provengono dagli agricoltori e dai territori”.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.