GUIDONIA – Madonnina trafugata, la statua ritrovata dagli agenti della Polizia Locale

L'effigie era nascosta in un casolare abbandonato sulla "48"

Rinvenuta in un casolare abbandonato nelle campagne di Guidonia Montecelio la statua della Madonna rubata da ignoti lo scorso Ferragosto a Setteville (CLICCA E LEGGI L’ARTICOLO DI TIBURNO).

Secondo un comunicato stampa del Comune di Guidonia Montecelio, sono stati due agenti della Polizia Locale, impegnati in controlli di routine nelle aree abbandonate della Città, a trovare la statua di Maria all’interno di un casolare nei pressi del casello autostradale lungo la strada provinciale 28 BIS. Proseguono le indagini per risalire ai responsabili del furto.

Il furto dell’effige sacra aveva destato molto clamore e sconforto nei residenti di Setteville. La statua, posizionata da oltre vent’anni all’incrocio tra via Muratori e via Gioacchino Belli, era un luogo di culto molto sentito dalla comunità.

LEGGI ANCHE  GUIDONIA - Mancato rinnovo del contratto, scioperano i lavoratori dei Mercati Generali

“La notizia del furto aveva colto di sorpresa non solo Setteville ma l’intera Città – commenta il sindaco Mauro Lombardo -. Ci aveva indignato, tanto per le modalità quanto per le motivazioni che, a tutt’oggi, risultano essere ancora inspiegabili.

Sono felice per questo ritrovamento e partecipo alla gioia della comunità di Setteville che potrà riavere la sua statua.

Ringrazio sentitamente la polizia locale della nostra Città, che ogni giorno si impegna a tutela di tutta Guidonia Montecelio, e le forze dell’ordine che dal momento della denuncia avevano avviato le indagini. Presto la statua sarà riposizionata al suo posto, in tempo per la festa Patronale che si svolgerà a settembre”.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.