Troppi farmaci per gli anziani

Un terzo di coloro che hanno superato i 65 anni di età utilizza dieci o più farmaci contemporaneamente

 

IL caso tipico dell’abuso di farmaci o l’uso regolato male consiste quando sussistono diverse patologie concomitanti, quindi diversi trattamenti. L’attenzione è su alcuni contesti specifici. C’è l’ambito ospedaliero e quello delle residenze sanitarie assistenziali. Si riscontra che la vitamina D è troppo utilizzata. Troppi antibiotici. Ma in alcuni casi anche gli antiaritmici nel grande anziano sono i principali farmaci di cui si fa grande uso.

Gli over 65 consumano in media tre dosi di medicinali al giorno con una spesa annua pro  capite di circa 660 euro (593 euro al Nord, 759 euro al Sud). Gli uomini mostrano un consumo superiore a quello delle donne. C’è un’attenzione degli analisti della Sanità sull’uso improprio dei farmaci. Tanto più se diretti ad anziani. Lo dice una ricerca è stata realizzata dall’Osservatorio nazionale sull’impiego dei medicinali, Aifa e Istituto superiore di sanità

LEGGI ANCHE  Infermiera No Vax, il giudice la riammette al lavoro

L’indicazione che arriva da Silvio Brusaferro, presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, è nel fare prescrizioni farmacologiche più attente e mirate: meno principi attivi, più appropriatezza delle cure. Non sempre, infatti, la prescrizione di un numero elevato di farmaci corrisponde alle migliori cure o a più salute.

 

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

7s