Ma che bel castello, Palombara diventa set

Registrati docufilm e programmi tv, prossimo appuntamento con Geo

Palombara Sabina diventa set per docufilm e programmi tv. A primavera il centro storico e il castello Savelli Torlonia saranno protagonisti di una puntata di Geo, il programma di Rai 3. La scorsa estate nel castello e nell’abbazia di San Giovanni in Argentella sono state registrate, invece, tutte le scene degli interni del docufilm “Dante il sogno di un’Italia libera” andato in onda su Rai 2 il 27 dicembre. “E’ probabile che la puntata di Geo venga registrata in contemporanea con la prossima sagra delle cerase”, spiega l’assessore alla cultura e turismo, Guido Trugli, “Sarà la giusta occasione per promuovere al grande pubblico i nostri prodotti, in particolare le cerase, le nostre tradizioni, e la nostra storia”.

LEGGI ANCHE  GUIDONIA - Vuoi imparare l'inglese? Inizia quando vuoi con i corsi di Globe Academy

A giorni altro appuntamento televisivo per Palombara: verrà montata una parte del programma “Il Cantante mascherato”, protagonista Il Drago, condotto in prima serata su Rai 1 da Milly Carlucci. Lo scorso anno, per lo stesso programma tv, sempre a Palombara era stato registrato il personaggio “Il lupo”. “Il nostro obiettivo”, aggiunge l’assessore Trugli, “è rendere Palombara meta anche del turismo cinematografico, un po’ come Punta Secca per Montalbano”.

Nel frattempo l’amministrazione ha adottato, a quasi quindici anni dall’avvio della procedura, un Piano di recupero per il centro storico. Con più diktat: facciate dei palazzi con colori consoni, via l’alluminio e divieto di antenne e condizionatori in vista.  Il progetto, deliberato in autunno, ha ricevuto l’approvazione dell’intero consiglio comunale. “Attraverso questo strumento”, ha dichiarato il sindaco Alessandro Palombi, “si potrà finalmente dare concreta attuazione allo sviluppo e alla tutela di quel patrimonio inestimabile rappresentato dal nostro centro storico”. “Il piano ridarà in primis slancio al nostro bellissimo castello, tra i più grandi del Lazio”, ha aggiunto l’assessore all’urbanistica, Manolo Cipolla.

LEGGI ANCHE  Tivoli. L’Alcatraz del 1579

Una veduta da Palombara.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *