Europa, inizia l’estinzione del virus

Gli studi dell’Organizzazione Mondiale della Sanità vedono in marzo il declino del livello di contagiosità

Debellare Omicron significa superare la pandemia. Questo almeno in Europa. Prima però si arriverà al sessanta per cento dei contagi tra i cittadini del vecchio continente. Ma il significato della previsione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità guarda, quindi, anche ad Omicron come fine della pandemia da Covid 19. Sembra così dissipare il timore dell’arrivo di altre varianti.

A indicare il punto di vista dell’Organizzazione Mondiale della Sanità è il direttore del comparto europeo Hans Kluge. I tempi previsti vedono marzo come il momento di grande svolta. Questa variante, infatti – sempre secondo l’analisi di OMS – apre alla fase dopo di cui il virus dovrebbe estinguersi, almeno come effetti diretti e percepibili sulle persone.

LEGGI ANCHE  La vittoria della Roma, oggi festa al Circo Massimo (coi trionfatori)

Ma è anche vero che Omicron continua a fare contagi e vittime in tutto il mondo. L’Australia fa registrare un nuovo picco con ottantotto defunti in un solo giorno, la Nuova Zelanda con 15.104 contagi e 52 decessi dall’inizio della pandemia. Gli Stati Uniti che ancora stanno nel vivo dei problemi ma con il picco toccato l’11gennaio e oggi in netto regresso con 162mila contagiati e 351 decessi.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *