TIVOLI – Avis, la Casa Cantoniera ai donatori di sangue

Il Comune affida ai volontari il fabbricato di via Tiburtina a Villa Adriana per tre anni a titolo gratuito. Da rifugio per senzatetto a punto di riferimento per la cittadinanza

Per anni è stato il rifugio di famiglie senza casa, ora diventa un punto di riferimento per la comunità. Con questi obiettivi il Comune di Tivoli ha ufficialmente assegnato all’Associazione Volontari Italiani del Sangue Comunale di Tivoli (Avis) una porzione della Casa Cantoniera al chilometro 27,927 di Via Tiburtina a Villa Adriana. Dal 2017 il fabbricato era stato consegnato in via temporanea dal sindaco di Tivoli Giuseppe Proietti per scongiurare ulteriori occupazioni di senzatetto.

Con la determina numero 2160 firmata dal dirigente comunale al Patrimonio Riccardo Rapalli e pubblicata ieri, mercoledì 23 febbraio, all’Albo Pretorio è stato approvato il contratto di comodato d’uso gratuito del fabbricato di proprietà della Regione Lazio fino al 6 maggio 2025, quando l’immobile dovrà essere riconsegnato al Comune di Tivoli.

A convincere l’amministrazione Proietti è stato il Progetto di Rifunzionalizzazione della Casa Cantoniera presentato dall’Avis Comunale di Tivoli il 26 ottobre 2021 in cui i volontari hanno spiegato dettagliatamente l’uso del fabbricato a ufficio e luogo di incontro per assemblee del consiglio direttivo, per promuovere e divulgare il dono del sangue, oltre che come punto di coordinamento delle Avis presenti nel territorio della Asl Rm5.

LEGGI ANCHE  GUIDONIA - Trovata in strada una tartaruga gigante

Secondo il progetto nella Casa Cantoniera verranno inoltre effettuate raccolte di sangue anche serali nel periodo estivo dell’anno, e con l’ausilio dell’autoemoteca altre venti raccolte annue a Tivoli Terme e nella Parrocchia San Silvestro Papa a Villa Adriana. Si tratta di raccolte per tutte le persone che non intendono recarsi in ospedale, ma che comunque saranno a sostegno del centro trasfusionale del “San Giovanni Evangelista” di Tivoli.

Nelle intenzioni dei volontari, anche l’organizzazione della maratona Telethon a supporto della ricerca, di eventi con altre associazioni del territorio tiburtino e di screening cardiologici gratuiti per i donatori di sangue. Prevista anche l’attivazione del Progetto Scuola, rivolto alle classi superiori per la sensibilizzazione degli studenti alla donazione del sangue e prevenzione personale. Il progetto potrà anche essere esteso agli istituti elementari e medie inferiori con il coinvolgimento dei docenti e dei genitori.

LEGGI ANCHE  GUIDONIA - “Utiz”, il riscatto rap delle periferie

L’Avis provvederà a proprie spese alla riqualificazione dell’immobile con la sostituzione delle porte, la sistemazione dei muri interni ed esterni e dei giardini, con la messa a norma dell’impianto elettrico e di riscaldamento oltre al ripristino dei termosifoni mancanti, con la sistemazione degli infissi in alluminio esistenti e la realizzazione di un bagno per disabili al piano terra. Il 6 maggio 2019 la Regione Lazio ha concesso in affitto la Casa Cantoniera al Comune ad un canone annuo di 3.743,52 per sei anni.

Da allora è sede della “Casa dei Fiori” per lo svolgimento del progetto “Dopo di Noi”.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.