Bomba d’acqua su Poli, un mare di fango invade la cittadina

Molti cittadini sono rimasti bloccati nelle loro auto e all’interno di alcune attività commerciali

Un violentissimo temporale si è abbattuto nel pomeriggio di ieri sul centro abitato di Poli. In poco più di mezz’ora, sono caduti oltre 30 centimetri di acqua che, insieme a un’intensa grandinata, hanno provocato danni ingenti e determinato una situazione di assoluta emergenza.

A causa dello straordinario nubifragio, molti cittadini sono rimasti bloccati nelle loro auto e all’interno di alcune attività commerciali.

“Dalle colline circostanti – racconta l’Assessore ai Lavori Pubblici Nando Cascioli, intervenuto immediatamente sul posto insieme al Sindaco Federico Mariani e ad alcuni consiglieri – i fossi hanno riversato a valle un quantitativo di acqua impressionante, come mai in precedenza, trasportando centinaia di metri cubi di detriti, che hanno invaso strade, piazze, attività pubbliche e commerciali. Attività che hanno riportato danni ingenti alle attrezzature e ai prodotti. Per qualche attimo – continua l’Assessore – si è temuta una vera catastrofe. Grazie al tempestivo intervento dei vigili del fuoco di Palestrina, della Protezione Civile Comunale, dei carabinieri della Stazione di Poli, coordinati dal Comandante, e dai numerosi volontari, che si sono prodigati senza sosta, si è ripristinata, nella tarda serata, la viabilità lungo le arterie principali, ma sono rimaste interdette al transito alcune strade comunali, limitrofe al centro storico”.

LEGGI ANCHE  TIVOLI - Viabilità, apre l’incrocio tra via Radiciotti e via Campolimpido

“È stato un pomeriggio di grande tensione e paura – ha dichiarato il Sindaco. “Grazie all’aiuto delle istituzioni, intervenute prontamente, e che ringrazio anche a nome della cittadinanza, si sono riscontrati danni solo alle cose, ma fortunatamente solo una grande paura per i cittadini, alcuni dei quali sono stati colti dal panico. Dopo averli fatti uscire dagli abitacoli delle auto, sono stati rifocillati, tranquillizzati e accompagnati presso le proprie abitazioni. Chiederemo lo stato di calamità naturale, mentre una conta precisa dei danni sarà pronta nei prossimi giorni”.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.