PALOMBARA SABINA - Economia, la ripresa passa per Lublino

Dopo due anni di pandemia le imprese sabine si riaffacciano sul mercato polacco

Venerdì 29 aprile si sono conclusi i tre giorni di lavori del Forum economico organizzato dalla Camera di Commercio Polacco-Italiana. Una platea di imprenditori italiani ha avuto l’occasione di conoscere le potenzialità del mercato del Voivodato di Lublino.

Quattordici aziende della regione hanno presentato prodotti e servizi di diversi settori, dall’agroalimentare all’edilizia, dall’arredamento all’informatica, dimostrando efficienza e qualità.

Non a caso, la regione di Lubelskie è da anni un esempio virtuoso di innovazione ed ecologia. I suoi produttori riescono a combinare efficacemente crescita, tradizione e sostenibilità, grazie anche al sostegno dei Fondi Europei.

La presenza di attori economici di alto livello è stata affiancata dall’alto profilo delle Istituzioni coinvolte. Infatti, la Conferenza si è svolta con il patrocinio dell’ambasciata della Repubblica di Polonia, rappresentata dalla Consigliera del Dipartimento di Politica e Economia Jystyna Stanczewska, e con la collaborazione del Comune di Palombara Sabina, rappresentato dal Vicesindaco Guido Trugli e dall’assessora ai Lavori Pubblici Ilenia Franconi.

Altro contributo fondamentale è stato quello della società privata GBSAPRI Spa, di cui era presente l’amministratore delegato Carlo Maria Bassi e la broker assicurativa Agnese Maka.

Infine, ha partecipato anche Aleksandra Leoncewicz dell’Agenzia Polacca per il Commercio e gli Investimenti (PAIH), impegnata nel favorire l’espansione all’estero delle aziende polacche come anche l’afflusso di investimenti esteri in Polonia.

LEGGI ANCHE  Quando la poesia in dialetto diventa arte: Ched'è? Ched'è?

I lavori si sono aperti con diversi interventi istituzionali.

Il Vicesindaco di Palombara Sabina Guido Trugli ha ricordato i 4 anni di rapporti e fratellanza con il comune di Ostrow Lubelski, mentre il Consigliere provinciale e Sindaco di Palombara Sabina, Alessandro Palombi, ha confermato il valore inestimabile dei rapporti commerciali e culturali con i partners di Lubelskie.

Non è mancata una pubblica manifestazione di solidarietà con Kiev.

Il Vice Maresciallo della regione Zbigniew Wojciechowski, non si è limitato alla presentazione del suo territorio, ma ha invitato tutti presenti a indossare dei nastri giallo-blu in segno di vicinanza con il popolo ucraino che “sta combattendo per la propria libertà, indipendenza e diritto alla vita”. Un momento toccante condiviso da tutto il parterre.

La parola poi è passata alle imprese.

Agnese Maka ha parlato di “un’atmosfera di curiosità reciproca sia da parte degli ospiti italiani che polacchi”. Questa curiosità si è presto trasformata in trattative. Infatti, dopo i saluti formali, si sono aperti molti incontri B2B tra le aziende presenti.

Nonostante occasionali e fisiologiche diversità di vedute, l’agenda dei partners ospiti si è subito riempita di nuovi appuntamenti per proseguire le negoziazioni. E, si spera, concludere accordi. Le premesse ci sono tutte.

La presidente della Camera di Commercio Polacco-italiana Izabel Byzdra ha ricevuto feedback positivi dal gruppo di imprenditori di Lubelskie: “Sono contenti e soddisfatti, non pensavano di trovare tante opportunità di collaborazione commerciale”.

LEGGI ANCHE  GUIDONIA - Tra i rottami spunta la pistola rubata, svuotacantine denunciati

In realtà non è la prima volta che l’asse Roma-Lublino porta buoni frutti.

Già nel novembre 2019 le stesse Istituzioni e aziende avevano tentato un esperimento simile, con ottimi risultati. Alcuni produttori del Lazio, soprattutto del settore agroalimentare, volarono nel Voivodato di Lublino per conoscere le aziende locali. Neanche un mese dopo era stato stipulato il primo contratto di vendita.

Dunque, un format di cooperazione economica finora vincente che si è voluto riproporre per ripartire dopo due anni di stop. Non è difficile immaginare come la pandemia abbia bloccato le attività produttive e insieme la rete di contatti tra le imprese. Un durissimo colpo per l’economia globale che il comune di Palombara Sabina, d’intesa con l’ambasciata di Polonia, sta tentando di sanare.

A dar man forte al loro impegno è il Governatore della regione Lubelskie. La presidente della Camera di Commercio Polacco-italiana spiega che “è molto aperto, è pronto a dare una mano a tutti gli imprenditori italiani”.

Il comune di Palombara Sabina non vuole farsi sfuggire questa occasione.

(G. D. C.)

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *