SUBIACO – Al teatro comunale in scena un romanzo di Mussolini

La Cgil: necessaria una mobilitazione

Cosa potrebbe mai accadere nella provincia di Berlino se uno dei teatri comunali dell’hinterland mettesse in scena un’opera tratta da un libro di Adolf Hitler? Ricadrebbe il muro, probabilmente. Ma in Germania nessuno oserebbe mai nemmeno pensarlo, evidentemente.

A Subiaco, invece, “prossimamente”, così strilla l’etichetta, andrà in scena “L’amante del cardinale: liberamente ispirato all’omonimo romanzo di Benito Mussolini”, col nome del duce ovviamente in neretto-orbace, ca va sans dire. Sulla locandina del “Teatro Narzio” – scrive il direttore de L’Aniene, Antonio Sbraga – spicca anche la foto di cotanto autore teatrale: un Mussolini in posa pensosa, con tanto di tuba e sigaretta pendula.

LEGGI ANCHE  GUIDONIA - Teatro, Daniela Rosci vince il Premio nazionale “La Guglia d'Oro”

Manco per Pirandello s’arriva a mettere la foto dell’autore sulla locandina, ma qui la regia dell’opera è di Fausto Costantini, che è anche direttore artistico del teatro sublacense. Nominato dal Comune, che patrocina anche l’opera mussoliniana. La

Cgil, grave concedere patrocinio

Apprendiamo l’intenzione di mettere in scena, presso il teatro comunale Narzio di Subiaco, un’opera tratta da un romanzo di Benito Mussolini, che si intitola ‘L’amante del cardinale’ – scrive la Cgil di Rieti Roma est Valle dell’Aniene. -. Sembrerebbe altresì che l’opera sia patrocinata dal Comune di Subiaco e che il manifesto sia già affisso all’esterno del teatro. Ciò farebbe presagire un’imminente rappresentazione. Se quanto appreso trovasse riscontro, la Cgil non starà di certo a guardare – sottolinea -. Riterremo grave la scelta del Comune di Subiaco di consentire una simile rappresentazione nel teatro pubblico e ancor più grave concederne il patrocinio. Pertanto la Cgil chiamerà a raccolta tutte le associazioni e le forze politiche del territorio che si riconoscono nei valori definiti dalla nostra Costituzione per costruire insieme una mobilitazione che riaffermi la democrazia, libertà e antifascismo“.

LEGGI ANCHE  Festival delle scienze: al Bioparco visite guidate d'autore gratuite

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.