Don Giorgio Jaworek: Addio al prete che restaurò la chiesa cimiteriale

A soccorrerlo era stato il connazionale e amico don Bogdan Franciszek Szkodny, parroco de La Botte, il sacerdote che lo sostituirà in via provvisoria nella gestione della chiesa cimiteriale. Originario della Polonia, sacerdote dal 1994, dall’anno dopo don Jaworek fu nominato cappellano del camposanto e da quel momento dedicò anima e corpo per riqualificare un tempio al limite della decenza.
Il 2 aprile 2011 furono ultimati i lavori di restauro delle rappresentazioni miniaturistiche e calligrafiche spirituali eseguite a titolo gratuito da Miranda Weilenmann Von Hofstehen nella cappella intitolata alla Divina Provvidenza e inaugurata il 28 ottobre 2007. La conclusione coincise con l’anniversario della morte di papa Giovanni Paolo II, al quale la Weilenmann ha dedicato l’opera in segno di devozione per averla battezzata il 14 aprile del 1990 durante la veglia pasquale in Vaticano avvicinandola così alla religione cattolica. L’intera cappella è dedicata al Pontefice polacco, connazionale e docente in patria di don Giorgio. (ma. sa.)

Condividi l'articolo:
LEGGI ANCHE  TIVOLI - Vandalismi e furti, più telecamere alla Città dello Sport

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *