Affile – Il sindaco “Dalla Regione i soldi per il mausoleo di Graziani”

“Affile ha vinto”. Esordisce così il sindaco Ercole Viri alla notizia della Regione Lazio che verserà i 67mila euro per la realizzazione del Museo al Soldato, la cui intitolazione al Generale Rodolfo Graziani è stata al centro di polemiche e proteste.
“L’atto – ha spiegato il primo cittadino di Affile – rappresenta la resa incondizionata di Nicola Zingaretti di fronte a mesi di fango, bugie e azioni diffamatorie nei confronti miei e dei cittadini di Affile. E’ per questo che ora inizierà una nuova battaglia: quella legale, contro Zingaretti, che per mesi mi ha offeso e messo in pessima luce di fronte all’Italia e al mondo. Specifico che intendo portare in tribunale Zingaretti, e non la Regione Lazio, per evitare che i cittadini del Lazio debbano essere costretti a pagare ancora per colpe non loro”.
A fargli eco è il sublacense Francesco Lollobrigida, dirigente nazionale di Fratelli d’Italia: “Il presidente Zingaretti si arrende al Generale Graziani… e paga. Avevamo detto e scritto che sul Sacrario a Rodolfo Graziani nel Parco Radimonte era tutto regolarissimo. Zingaretti e la velenosa sinistra ignorante ha riempito di menzogne le testate giornalistiche. Ora si arrende all’evidenza e paga l’opera fino all’ultimo euro. Ha preso in giro i cittadini, soprattutto quelli che confidavano nella veridicità delle sue parole che come amministratore di lunga esperienza sapeva essere false. Fa bene il sindaco Ercole Viri, diffamato gravemente, a chiedere i danni e con grande spirito civile non lo fa contro la Regione Lazio, ma verso Nicola Zingaretti perché non paghino i cittadini al suo posto. Anche questo pezzo di Storia ora è tornato al suo posto”.

Condividi l'articolo:
LEGGI ANCHE  Tivoli, Aveva tre etti di stupefacente a casa, ventisettenne arrestato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

7s