“Il Comandante è morto”

Fidel Castro con voce commossa, il quindici ottobre, annuncia la morte di Che Guevara. Il “mito” della rivoluzione.  

La CIA era sulle sue tracce già da molto tempo e per non fallire l’uccisione di Ernesto Guevara, più noto come el Che gli americani mandano uno dei loro migliori agenti: Félix Rodríguez, che era stato infiltrato a Cuba per prendere contatto con ambienti anti castristi di L’Avana. Questa volta il piano riesce perfettamente. L’obiettivo viene individuato, catturato e successivamente ucciso dal sergente boliviano Mario Terán. Tutto accade il nove ottobre del 1967 fra le montagne boliviane e prima di giungere a Cuba la notizia, ovviamente, passa da Washington. Fidel Castro, con voce commossa il quindici ottobre annuncia la morte di Che Guevara. Il “mito” della rivoluzione.

LEGGI ANCHE  Il sogno infranto dei tiburtini

La Colt di Feltrinelli

Roberto Quintanilla, l’ex colonnello dei servizi segreti boliviani che aveva voluto la morte di Che Guevara, viene assassinato nella sede del consolato boliviano di Amburgo. I colpi mortali partono da una Colt Cobra registrata a nome di Giangiacomo Feltrinelli. La vendetta si consuma per mano di Monika Ertl, una giovane che aveva abbracciato gli ideali rivoluzionari.

FGI

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

7s