GUIDONIA – Elezioni, tre candidati lasciano la lista “Colleverde in Comune”

Comunicato stampa di tre ex rappresentanti della civica di Claudio Zarro, la replica degli altri attivisti

In riferimento all’articolo “GUIDONIA - Elezioni, al ballottaggio Masini è sostenuto da Zarro”, da Morena Di Mauro, Fulvio Bonucci, Roberto Mini, candidati della lista civica “Colleverde in Comune” alle elezioni amministrative di domenica 12 giugno a Guidonia Montecelio, riceviamo e pubblichiamo:

Apprendiamo della scelta scarsamente condivisa e discussa con i candidati delle liste, presa da Claudio Zarro, di abbandonare il percorso civico per aderire a quello dei partiti tradizionali, abbandonando il difficile percorso iniziato, che avrebbe dovuto dare a Guidonia un Sindaco libero dalle logiche dei partiti.

Non abbiamo cambiato idea e non tradiremo il mandato ricevuto dagli elettori, a cui abbiamo garantito la nostra distanza da tutti i partiti che Guidonia hanno già governato. Proseguiremo quindi con coerenza e correttezza il percorso civico iniziato, dando il nostro pieno sostegno al candidato civico Mauro Lombardo, con il desiderio di offrire alla città un Sindaco civico e libero dalle logiche partitiche.

Ringraziamo Mauro Lombardo per averci offerto la possibilità di correre insieme nel segno del cambiamento e di averci aperto le porte del suo progetto civico che oggi diviene nostro.

Adesso facciamo vincere Guidonia e lavoriamo per la sfida di offrirle un’amministrazione civica. Dobbiamo vincere e lo Faremo Insieme!”.

LEGGI ANCHE  GUIDONIA - Elezioni, Masini e Lombardo chiudono la campagna elettorale

La lista civica “Colleverde in Comune” risponde per le rime aMorena Di Mauro, Fulvio Bonucci, Roberto Mini

“In merito a qualche pseudo comunicato di 3 persone in cui si faceva presente che le sirene del signor Mauro Lombardo sono più attrattive per un prosieguo di percorso, la lista Colleverde in Comune nella sua interezza, si dichiara amareggiata del fatto che tre suoi ex componenti per la bellezza di 94 voti passino nel percorso del Nuovo Polo Civico.

La “compravendita” dei voti e’ la cosa più bassa che possa esistere in politica e proprio per questo riaffermiamo la scelta attuata da Claudio Zarro e dalle 6 liste che lo hanno sostenuto nel primo turno di questa tornata elettorale di sostenere Alfonso Masini, e non chi attua questi pseudo-giochetti.
Rammentiamo altresì che quando si parla a nome di una lista, si dovrebbe avere i titoli per farlo (registrazione logo, associazione e quant’altro) e non credere che la totalità di essa giri invece attorno ad una decisione di sole 3 persone che va in senso opposto”.
Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.