TIVOLI – Incidente mortale in via Tiburto, la vittima è Amedeo Amatizi

Il 61enne era il Coordinatore cittadino del partito Rivoluzione Ecologista e Animalista

E’ Amedeo Amatizi l’uomo che ieri pomeriggio, sabato 25 marzo, ha perso la vita in un tragico incidente stradale a Tivoli (CLICCA E LEGGI L’ARTICOLO DI TIBURNO).

Amedeo Amatizi, il 61enne deceduto in un tragico incidente d’auto in via Tiburto a Tivoli

Amatizi, 61 anni, era il Coordinatore cittadino di Tivoli del Rea, il partito Rivoluzione Ecologista e Animalista schierato sul fronte della tutela degli animali, dell’ambiente e dei cittadini, senza connotazione ideologica tradizionale destra/sinistra e in fase elettorale, quando non concorre autonomamente, a sostegno esclusivamente di candidati e liste fattivamente impegnati su un fronte comune.

Tra i fondatori del COR, il Centro operativo radio di Protezione Civile, Amedeo Amatizi era da sempre molto attivo per le problematiche del suo territorio e grande difensore dei diritti animali: per tali prerogative a novembre 2022 il Segretario nazionale del Rea, Gabriella Caramanica, gli aveva attribuito l’incarico di coordinatore.

LEGGI ANCHE  GUIDONIA - Il "Parco dei Frutti" riapre, gestione assegnata al "Gruppo Caravelle"

 

La Fiat Punto guidata da Amedeo Amatizi ribaltata dopo l’urto contro le auto in sosta in via Tiburto

Secondo una prima ricostruzione degli agenti della Polizia Locale, verso le ore 16,55 l’uomo era alla guida della sua Fiat Punto e percorreva un tratto di strada in discesa in via Tiburto diretto verso largo Saragat.

All’improvviso Amedeo Amatizi ha perso il controllo urtando alcune vetture in sosta e ribaltandosi.

Quando in via Tiburto sono intervenuti gli operatori del 118 per l’uomo non c’era più nulla da fare.

Stando ad una prima ipotesi, il 61enne potrebbe essere stato colto da malore ancor prima dello scontro.

LEGGI ANCHE  GUIDONIA - Lavori in corso, casello chiuso per due notti

La Procura di Tivoli ha riconsegnato la salma di Amedeo Amatizi alla famiglia per i funerali.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.