SANT’ANGELO ROMANO – Concorso per autista di scuolabus, via alle prove per 19 candidati

A giugno l’assunzione

Il Comune di Sant’Angelo Romano è pronto ad espletare il concorso pubblico per un posto di Autista di scuolabus-operaio a tempo indeterminato e pieno bandito il 18 dicembre 2023 (CLICCA E LEGGI L’ARTICOLO DI TIBURNO).

Mercoledì 5 aprile l’amministrazione ha comunicato che la prova scritta si terrà giovedì 18 aprile alle ore 14,30 presso il Centro Anziani di piazza Santa Liberata 2, mentre la prova orale sarà svolta nella stessa sede mercoledì 8 maggio alle ore 9,30.

Sono 19 candidati ammessi, in possesso di licenza media, patente D e conoscenza dell’inglese e delle principali apparecchiature informatiche più diffuse.

Sempre mercoledì con la determina numero 29 – CLICCA E LEGGI LA DETERMINA– il Responsabile dell’Area Amministrativa e Personale Antonello Massa ha nominato la Commissione esaminatrice del concorso.

Il Presidente sarà il Dottor Francesco Rossi, Segretario Generale del Comune di Sant’Angelo Romano e Responsabile degli Affari Generali ed Istituzionali.

Membro esterno il Dottor Massimo Fieramonti, Esperto Personale e Docente all’interno della Fondazione Logos PA.

Membro interno con compiti anche di Segretario verbalizzante è la Ragioniera Marcella Gubinelli, Istruttore Amministrativo – Contabile del Comune di Sant’Angelo Romano.

PROVE D’ESAME E RELATIVO PROGRAMMA

Per accedere al posto in concorso i candidati devono sostenere due prove: la prima a contenuto teorico-pratico, ed una prova orale in base al programma sotto riportato.

PRIMA PROVA: PROVA SCRITTA

La prova a contenuto scritto sarà strutturata tenendo conto delle mansioni inerenti il profilo professionale di cui trattasi e consisterà nella soluzione di una serie di test bilanciati a risposta multipla attinenti, in particolare, le conoscenze in materia di codice della strada, di antinfortunistica e sicurezza sul lavoro, di manutenzione degli automezzi e delle attrezzature di lavoro, di esecuzione di piccoli interventi su beni comunali;

LEGGI ANCHE  TIVOLI - “A scuola di Legalità”, alunni in visita all’auto di Giovanni Falcone

SECONDA PROVA: PROVA ORALE

La prova consisterà in una serie di domande vertenti sui seguenti argomenti:

– Codice della strada con particolare riferimento alla segnaletica stradale e alla gestione dei cantieri stradali (con particolare riferimento agli schemi di segnalazione previsti nel Decreto del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti del 10 Luglio 2002 e successivo D.I. del 22/1/2019);

– Nozioni generali sulla sicurezza del lavoro (D. Lgs. N.81/2008)

-Nozioni di diritto civile ed amministrativo;

-Nozioni Ordinamento Istituzionale degli enti locali, finanziario e contabile degli Enti Locali con particolare riferimento al T.U.E.L. 267/2000 ;

-Nozioni delle norme in materia di procedimento amministrativo, anticorruzione e trasparenza (L. 241/1990, L. 190/2012, D. Lgs. 33/2013);

-Codice di comportamento dei dipendenti pubblici (DPR 62/2013)

– Accertamento della conoscenza della lingua inglese e all’accertamento della conoscenza e dell’uso delle apparecchiature e delle applicazioni informatiche più diffuse

RIPARTIZIONE DEL PUNTEGGIO

Prima prova: prova scritta punteggio massimo 30/30

Seconda prova: prova orale punteggio massimo30/30

Per l’ammissione alla prova orale i candidati dovranno conseguire un punteggio minimo di 21/30 nella prova scritta. Lo stesso punteggio dovrà essere conseguito nella prova orale per poter accedere alla graduatoria finale.

LEGGI ANCHE  MENTANA - Pusher fugge all'alt e si schianta in scooter contro un'auto, arrestato

Il punteggio finale delle prove concorsuali è dato dalla media dei voti conseguiti nella prova scritta più il voto conseguito nella prova orale.

A parità di merito i candidati verranno collocati nella graduatoria finale secondo i titoli di preferenza e/o precedenza previsti nell’art. 5, commi 4 e 5, del citato DPR n. 487/94 e successive modificazioni.

La Commissione, in sede di insediamento, avrà il compito di decidere i criteri e subcriteri per l’attribuzione dei punteggi per l’organizzazione dei lavori

VALUTAZIONE DEI TITOLI

La valutazione dei titoli sarà effettuata successivamente all’espletamento della prova scritta, per i soli candidati ammessi alla prova orale.

Per i titoli culturali, di servizio e per il Curriculum per la sua completezza, la commissione può riconoscere ai candidati un punteggio massimo complessivo pari a 10 come di seguito specificato:

-Titoli culturali max 3 punti

-Titoli di servizio max 6 punti

-Curriculum max 1 punto

Per i titoli culturali è riconosciuto:

punti 1 per il possesso di titolo di studio superiore a quello richiesto dal bando (Diploma di scuola secondaria superiore);

punti 2 per il possesso di titolo di studio superiore a quello richiesto dal bando (Diploma di Laurea);

per i titoli di servizio verrà riconosciuto il seguente punteggio:

punti 1 per ogni sei mesi di servizio presso Pubbliche Amministrazioni nelle mansioni proprie del profilo messo a concorso;

per il curriculum: la commissione attribuirà in via discrezionale il punteggio assegnabile avendo a riferimento attività e titoli non riferite alle categorie precedenti.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.