GUIDONIA – Un fiume d’acqua dal contatore, Acea interviene dopo due giorni

Scoppia la condotta sul muro della parrucchiera: i tecnici sono intervenuti soltanto su sollecito dei vigili del fuoco

E’ iniziata con una lieve perdita, è finita con un fiume d’acqua che ha invaso il garage sottostante e perfino la via Tiburtina.

Senza contare le infiltrazioni sui muri. D’altronde, i malcapitati hanno dovuto attendere la bellezza di 48 ore prima dell’intervento dei tecnici di Acea Ato 2.

E’ quanto accaduto al civico 2 di via Aleardo Aleardi, a Setteville, quartiere di Guidonia Montecelio, dove da 19 anni ha sede “Diva – I Parrucchieri”, il noto salone di Alessandra Cristini.

Secondo il racconto dell’artigiana, la disavventura è iniziata giovedì 11 aprile con una perdita d’acqua da uno dei 4 contatori installati sul muro esterno del salone di bellezza di via Aleardi, una strada che si interseca con via Carducci e affaccia sulla via Tiburtina.

LEGGI ANCHE  SANT'ANGELO ROMANO - Lavori di manutenzione, mezzo paese senz'acqua

Pare che a saltare sia stato il contatore della condotta centrale che alimenta gli stabili della strada.

Così alle 21.25 di giovedì Alessandra Cristini ha inoltrato la prima segnalazione al numero verde di Acea.

Ma da venerdì la situazione è peggiorata nel corso delle ore.

“Inutili sono state le segnalazioni fatte ad Acea Ato 2, come inutile è stato l’intervento della Polizia Locale di Guidonia”, racconta Alessandra Cristini.

Anche sabato l’acqua ha continuato a scorrere davanti all’ingresso della parrucchiera, arrivando ovunque, nei garage del palazzo sottostante, sulla strada e quasi sulla via Tiburtina,

“Dopo ulteriori solleciti e varie chiamate da parte dei condomini – prosegue la titolare del salone di parrucchiera – ci siamo dovuti rivolgere ai vigili del fuoco, che si sono dimostrati fin da subito molto disponibili.

Hanno contattato loro stessi l’Acea (per bene due volte) e sono riusciti ad ottenere l’intervento dei tecnici, i quali alle 19.00 si sono presentati davanti al negozio e in pochi minuti hanno risolto il problema.

Morale della favola, dalla prima segnalazione di giovedì 11 aprile alle ore 21.25, l’intervento dei tecnici c’è stato sabato 13 aprile alle ore 19.00, senza contare le migliaia di litri di acqua potabile andata persa.

Questa è l’Italia”.

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.