Coronavirus: tutta Italia “Zona protetta”, spostamenti vietati se non per necessità

Coronavirus:  “Tutta Italia sarà zona protetta”. Non più zona rossa, verde o gialla. Tutti gli spostamenti sono vietati se non per comprovate necessità, in tutta Italia come fino a oggi in Lombardia e nelle 14 province. Lo ha annunciato il premier Conte in una conferenza stampa a Palazzo Chigi, confermando quanto preannunciato il ministro per i Rapporti con le Regioni, Francesco Boccia, parlando di “progressiva omogenizzazione delle regole su tutto il territorio nazionale”.

«Sto per firmare un provvedimento che possiamo sintetizzare con l’espressione “io resto a casa”. Il governo estende di fatto a tutte le Regioni, a partire da domani mattina e fino al 3 aprile, le misure già attive in Lombardia e in altre 14 province e relative all’emergenza Coronavirus. Queste misure, varate con un decreto nella notte tra sabato e domenica, prevedono il divieto di spostamento se non per «comprovati motivi di lavoro» oppure «gravi esigenze familiari o sanitarie».

Di qui la sospensione dell’attività didattiche è estesa sino al 3 aprile su tutta la penisola isole comprese.

I provvedimenti sono contenuti in un Dpcm che andrà in Gazzetta Ufficiale stasera. Decisioni drastiche prese alla luce del fatto che il coronavirus continua ad avanzare in tutta Italia – i morti sono 463, altri 97 in sole 24 ore, con quasi 1.600 malati in più.

 

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *